Coronavirus, Azzolina difende il diritto di frequentare in presenza: De Luca si oppone, “la scuola è uno dei vettori più grandi di contagio”

Botta e risposta tra il ministro Azzolina e il governatore della Campania De Luca in merito all'apertura delle scuole e alla Dad

MeteoWeb

Botta e risposta tra il ministro Azzolina e il governatore della Campania De Luca in merito all’apertura delle scuole e alla Dad.

“La scuola non ha inciso nell’aumento dei contagi. Auspico che De Luca riapra il primo ciclo dell’istruzione. Anche perche’ i bambini altrimenti finiscono per strada, in una regione in cui e’ alta la dispersione scolastica. E poi le mamme di questi bambini hanno il diritto di andare a lavorare”. Lo ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ospite a ‘Che tempo che fa’.”I nostri studenti della scuola secondaria di secondo grado hanno il diritto di frequentare in presenza e di andare a scuola in sicurezza“. “L’Italia è l’unico paese che dà le mascherine a tutti gli studenti e al personale scolastico“, ha aggiunto.

Ma De Luca la pensa diversamente:”Il mondo della scuola, piaccia o meno, è uno dei vettori più grandi di contagio nelle famiglie”. Lo ha detto il Governatore della Campania Vincenzo De Luca ospite di Fabio Fazio a ‘Che tempo che fa’. ”Sulla scuola continuiamo a balbettare. Secondo i dati epidemiologici che abbiamo noi, con un raffronto tra le due settimane prima dell’inizio dell’anno scolastico e le due successive, nelle due settimane successive il contagio è aumentato sulla popolazione complessiva di tre volte ed è aumentato sulla fascia di età da 0 a 18 anni di nove volte. Con un dato preoccupante: la fascia di età del contagio è identica per la fascia 0-5 anni e 15-18 anni”.