Coronavirus: in alcuni comuni della Sicilia arriva l’esercito per far rispettare le regole

I controlli "rinforzati", volti a far rispettare gli obblighi di distanziamento sociale e il divieto di assembramento

MeteoWeb

Dopo l’aumento dei contagi da coronavirus, registrato negli ultimi giorni in Sicilia, a Gela e Niscemi, in provincia di Caltanissetta, arriva l’esercito. Oggi pomeriggio, nel corso di un incontro alla Prefettura di Caltanissetta, e’ stata condivisa la necessita’ di elevare il livello di attenzione sul territorio. I controlli “rinforzati“, volti a far rispettare gli obblighi di distanziamento sociale e il divieto di assembramento, saranno operativi dalle ore 18, tutti i giorni della settimana, e si concentreranno soprattutto nei luoghi di aggregazione giovanile, e davanti locali, pub, ristoranti. La Prefettura di Caltanissetta, dopo i controlli da parte delle Forze dell’Ordine, dall’inizio dell’emergenza ha gia’ disposto la chiusura temporanea di 50 locali. Per quanto riguarda gli attuali positivi in provincia di Caltanissetta sono 135. Di questi, 51 si registrano a Gela e 45 a Niscemi. Proprio a Niscemi negli ultimi giorni si è registrato un incremento improvviso dei contagi a causa di un focolaio partito da una festa di compleanno.