Coronavirus, tutto quello che sappiamo sulla sua contagiosità: quando è sicuro interrompere l’isolamento?

Esaminate le attuali conoscenze sulla durata della contagiosità di SARS-CoV-2 e le sue implicazioni sulla salute pubblica: tutto quello che c'è da sapere

MeteoWeb

SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19, ha infettato milioni di persone nel mondo. Comprendere la durata della contagiosità di SARS-CoV-2 ha importanti implicazioni per la salute pubblica e gli sforzi di controllo dell’infezione. Rilasciare i pazienti dall’isolamento in modo prematuro rischia di alimentare la trasmissione. Prolungare inutilmente l’isolamento, tuttavia, è frustrante per i pazienti, consuma dispositivi di protezione individuale, può ritardare le procedure e altre cure mediche, separa i pazienti dal supporto sociale e potrebbe impedire le dimissioni”. Con queste premesse, ricercatori dell’Harvard Medical School e del Brigham and Women’s Hospital di Boston hanno esaminato le attuali conoscenze sulla durata della contagiosità di SARS-CoV-2. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Diseases.

Periodo di incubazione e picco di carica virale

Il periodo di incubazione medio per SARS-CoV-2 è di 4-5 giorni. Circa il 98% delle persone contagiate che sviluppa sintomi, lo fa entro 12 giorni. I livelli di RNA virale sono rilevabili nel tratto respiratorio 2-3 giorni prima che i sintomi appaiano, raggiungono il picco alla comparsa dei sintomi e calano nel corso dei 7-8 giorni successivi nella maggior parte dei pazienti. La capacità delle persone asintomatiche e presintomatiche di trasmettere il virus prima dell’insorgenza dei sintomi è ben documentata. SARS-CoV-2 sembra avere dinamiche di trasmissione simile all’influenza, anch’essa contagiosa prima e per diversi giorni dopo la comparsa dei sintomi”, si legge nello studio.

Durata della positività dei PCR

All’inizio della pandemia, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomandavano la clearance basata sui test con almeno due test RT-PCR negativi per i pazienti con Covid-19. Questa strategia, tuttavia, può portare all’isolamento prolungato, poiché alcuni pazienti hanno test positivi per settimane, se non mesi. I pazienti malati tendono ad avere un RNA rilevabile per periodi più lunghi, ma la prolungata positività dei PCR si verifica anche in persone con forme lievi e asintomatiche. La durata della positività dei PCR sembra essere maggiore nei campioni del basso tratto respiratorio rispetto a quelli dell’alto tratto respiratorio, così come nei campioni di feci. Inoltre, alcuni pazienti guariscono dal Covid-19, hanno due test negativi e poi risultano di nuovo positivi anche in assenza di nuovi sintomi”, scrivono gli autori nel loro studio.

Grado e durata dell’immunità dopo l’infezione

Coronavirus anticorpiUna domanda importante è fino a che punto le persone che sono guarite dal Covid-19 sono vulnerabili ad una nuova infezione da SARS-CoV-2 e quanto a lungo può durare l’immunità. Studi animali dimostrano che l’infezione fornisce almeno un’immunità a breve termine. Un gruppo di ricercatori ha infettato in via sperimentale 9 macachi rhesus con SARS-CoV-2 e tutti hanno sviluppato anticorpi neutralizzanti. Quando sono stati stimolati di nuovo con la stessa dose virale 35 giorni dopo, tutti hanno dimostrato risposte immunitarie anamnestiche, con livelli di RNA virale nasale più bassi e cali più rapidi nell’RNA virale. Uno studio separato condotto in Cina utilizzando 7 macachi ha dato risultati simili”, si legge nello studio.

Nell’uomo, ora sono stati confermati diversi casi di re-infezione da SARS-CoV-2, utilizzando il sequenziamento dell’intero genoma. Sebbene la vera incidenza della re-infezione poco dopo un’iniziale infezione sia sconosciuta, è probabilmente rara. Piccole serie di casi nell’uomo suggeriscono che nella maggior parte dei pazienti dopo la guarigione dal Covid-19 si sviluppano anticorpi neutralizzanti e che i titoli sono correlati con la gravità della malattia e il numero di cellule T specifiche per il virus. Non è chiaro se e in quale misura la riduzione dei livelli di anticorpi misurabili sia correlata alla perdita dell’immunità funzionale”, scrivono i ricercatori.

I ricercatori hanno tratto le seguenti conclusioni riguardo il tempo e la durata della contagiosità di SARS-CoV-2:

1. SARS-CoV-2 è più contagioso poco prima e immediatamente dopo la comparsa dei sintomi.

2. La contagiosità diminuisce rapidamente fino a quasi zero dopo circa 10 giorni dalla comparsa dei sintomi in pazienti con forme moderate e 15 giorni nei pazienti in condizioni critiche e nei pazienti con sistema immunitario compromesso. La durata maggiore della vitalità virale che è stata riportata finora è 20 giorni dalla comparsa dei sintomi.

3. Test PCR costantemente positivi a SARS-CoV-2 nei pazienti guariti sono comuni ma generalmente riflettono basse cariche virali. Non indicano virus capaci di replicarsi e non sono associati alla contagiosità.

4. Test PCR che alternano risultati positivi e negativi nei pazienti che sono guariti dal Covid-19 molto probabilmente riflettono la variabilità del campionamento e bassi livelli di detriti virali al limite del rilevamento. È improbabile che questi pazienti siano contagiosi.

5. L’infezione conferisce almeno l’immunità a breve termine nella maggior parte dei casi; tuttavia, la durata dell’immunità non è chiara e sono stati confermati diversi casi di re-infezione.

Clinical Infectious Diseases, ciaa1249, https://doi.org/10.1093/cid/ciaa1249