Coronavirus, i medici degli ospedali: “Misure deboli, valutare un lockdown breve”

"Servirebbe una impostazione più complessiva senza escludere anche misure più drastiche, come il lockdown breve proposto da Crisanti per 'resettare' il sistema"

MeteoWeb

Le misure per contrastare il contagio contenute nell’ultimo Dpcm presentato ieri potrebbero non bastare: “Ci aspettavamo qualcosa di più deciso, credo che gli interventi sui bar e sulla movida non saranno sufficienti, servirebbe una impostazione più complessiva senza escludere anche misure più drastiche, come il coprifuoco sul modello francese o anche il lockdown breve proposto da Crisanti per ‘resettare’ il sistema”.

E’ l’opinione di Carlo Palermo, segretario dell’Anaao, il principale sindacato dei medici ospedalieri, che all’AGI confida di essere preoccupato: “Siamo in trincea, e sentiamo arrivare il sovraccarico. Servono più tamponi – spiega – e l’incremento della capacita’ di contact tracing, perché il sistema è andato in difficoltà a causa della mancanza di personale. Potenziare le capacita’ di screening con i test salivari, interventi decisi sul trasporto pubblico”.

Misure da adottare subito, avverte: “Tra una settimana vedremo arrivare negli ospedali la vera ondata, perché tra la registrazione di un nuovo caso e l’eventuale ricovero passano giorni. Se arriveremo a 20mila contagi, e visto il trend non ci vorrà molto, di questi dopo 7-8 giorni mille finiranno in ospedale, dopo un’altra settimana 150 di quei mille andranno in terapia intensiva, e infine aumenteranno anche i decessi, che la prossima settimana potrebbero già essere a tre cifre. Non si può inseguire il virus, va anticipato. Anche pensando al lockdown breve, un paio di settimane per ‘resettare’ il sistema e riorganizzare il tracciamento. E’ un’ipotesi da considerare”.

Anche perché, ribadisce Palermo, “oggi abbiamo attivi 6.600 posti di terapia intensiva, ma considerando che il 60% è occupato da pazienti con altre gravi patologie e che 700 sono i pazienti Covid, sono liberi circa 2.000 posti. Se aumenteranno di 100-150 al giorno il conto è presto fatto, non c’è molto tempo”.