Coronavirus, proteste anti-restrizioni a Praga: scontri in piazza della Città Vecchia [FOTO]

"La gente protesta perché il governo durante l'estate si era addormentato e non ha portato soluzioni alla crisi. Ha dovuto chiudere e ha fallito. La responsabilità è loro"

/
MeteoWeb

La piazza della Città Vecchia di Praga si è trasformata questo pomeriggio in un campo di battaglia, quando la polizia è intervenuta per disperdere una manifestazione di tifosi di squadre di calcio e hockey che protestavano contro il divieto di eventi sportivi nell’ambito delle misure anti-Covid.

Da parte dei manifestanti sono stati lanciati sassi e petardi, mentre la polizia usava gas lacrimogeni e cannoni ad acqua. Secondo alcuni testimoni ci sono dei feriti. Le autorità hanno deciso di sciogliere la manifestazione perché i partecipanti – circa 2.000 – superavano di gran lunga il numero consentito di 500 per i raduni.

La maggior parte dei partecipanti alla manifestazione non indossava mascherine. La protesta riguardava anche le politiche del governo in generale contro la pandemia.

“La gente protesta perché il governo durante l’estate si era addormentato e non ha portato soluzioni alla crisi. Ha dovuto chiudere e ha fallito. La responsabilità è loro”, ha detto al sito seznam.cz uno dei partecipanti arrivato appositamente da Ostrava (nord), città sede del club di calcio Banik. Una manifestazione simile si era svolta ieri anche a Bratislava.

Nella capitale slovacca si erano radunate davanti alla sede del governo alcune centinaia di tifosi ma anche membri di gruppi dell’estrema destra per respingere le misure contro l’epidemia del coronavirus. Anche qui contro i partecipanti muniti di pietre e bottiglie che chiedevano tra l’altro le dimissioni del premier Igor Matovic, la polizia aveva dovuto ricorrere all’uso di gas lacrimogeni e cannoni ad acqua.