Coronavirus, terminato il vertice a Palazzo Chigi: le prime indiscrezioni

E' terminato l'incontro tra il premier e i capidelegazioni dei partiti che sostengono il Governo a Palazzo Chigi: le prime indiscrezioni in vista della conferenza stampa di Conte

MeteoWeb

E’ terminato a palazzo Chigi il vertice tra il premier Giuseppe Conte e i capidelegazioni dei partiti che sostengono il Governo. In attesa di sapere quando Giuseppe Conte terrà la conferenza stampa annunciata ormai da tempo per fare chiarezza e comunicare le nuove decisioni riguardanti l’emergenza coronavirus, trapelano le prime informazioni. Sembra che uno degli argomenti più dibattuti è quello dello sport: il ministro Spadafora è contrario all’ipotesi di una stretta su piscine e palestre. “L’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, ovvero presso altre strutture ove si svolgono attività dirette al benessere dell’individuo attraverso l’esercizio fisico, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall’Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), fatti salvi gli ulteriori indirizzi operativi emanati dalle Regioni e dalle Province autonome“, si legge sull’ultima bozza del nuovo Dpcm inviata alle Regioni e al Cts. Durante la riunione si è trattato anche il tema scuola e mezzi pubblici, con una possibile differenziazione degli orari di entrata e di uscita per le scuole superiori.

Per quanto riguarda invece il tema della didattica a distanza, nella bozza del nuovo Dpcm si legge quanto segue: “Previa comunicazione al Ministero dell’Istruzione da parte delle autorità regionali, locali o sanitarie delle situazioni critiche e di particolare rischio riferito ai specifici contesti territoriali, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, che rimane complementare alla didattica in presenza, modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni, anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l’ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9.00“.

Per quanto riguarda i locali sembra che non ci saranno ulteriori strette: “Siamo riusciti a impedire la chiusura anticipata dei ristoranti che restano aperti fino alle 24 ed abbiamo scongiurato il lockdown degli esercizi commerciali premiando lo sforzo di chi ha investito in questi mesi per lavorare in sicurezza. Bisogna tenere aperto il Paese, in primis la scuola che ne è il cuore pulsante, con la massima sicurezza sanitaria e misure intelligenti come lo scaglionamento degli orari. Sicurezza sanitaria è sicurezza economica : servono più medici, più respiratori , più tamponi e più trasporti e vanno finanzianti col Mes , quei soldi ci servono subito: Conte si convinca, è scellerato rifiutare risorse essenziali senza alcuna condizionalità. Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5,00 sino alle ore 24,00 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18.00 in assenza di consumo al tavolo”. ha dichiarato al Tg4 il presidente dei senatori di Italia Viva Davide Faraone.

Sono sospese tutte le attività convegnistiche o congressuali, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza; tutte le cerimonie pubbliche si svolgono nel rispetto dei protocolli e linee guida vigenti e a condizione che sia assicurate specifiche misure idonee a limitare la presenza del pubblico , ad accezione di quelle di rilevanza nazionale, si svolgono senza la presenza di pubblico; nell’ambito delle pubbliche amministrazioni le riunioni si svolgono in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni di interesse pubblico; è fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza“, si legge ancora su Fiere ed Eventi.