Coronavirus, fattori di rischio e evoluzione: al via il monitoraggio coi satelliti Esa

Il progetto Epico19 dell'Agenzia spaziale europea (Esa) ha l'obiettivo di studiare fattori di rischio e tendenze evolutive del Covid-19 nel medio-lungo periodo

MeteoWeb

Tra i mezzi utilizzati per monitorare, studiare e prevedere il Covid-19 vi sono anche i Satelliti Esa. In particolare merita attenzione il progetto Epico19 dell’Agenzia spaziale europea (Esa) che coinvolge igienisti del dipartimento di Scienze biomediche, metaboliche e neuroscienze dell’Università di Modena e Reggio Emilia in consorzio con due start-up, la milanese TerrAria specializzata nella gestione di dati ambientali e la ravennate StudioMapp, che gestisce immagini satellitari ad altissima definizione e di georeferenziazione.

L’obiettivo è quello di determinare fattori di rischio e tendenze evolutive del Covid-19 nel medio-lungo periodo. Il progetto studierà in particolare la provincia di Reggio Emilia.

Collaborerà anche l’Azienda sanitaria locale di Reggio Emilia. Epico19 è uno dei 24 progetti approvati da Esa dopo il bando emesso la scorsa primavera ‘Spazio in risposta all’epidemia di Covid-19‘ che punta a dimostrare il vantaggio fornito dall’utilizzo di tecnologie satellitari nella lotta al nuovo coronavirus e alla pandemia.

Il progetto di ricerca che riguarderà direttamente la provincia emiliana punta a studiare la distribuzione geografica dell’epidemia in un ambito territoriale definito, i suoi fattori di rischio demografici e ambientali, come la mobilita’ e l’inquinamento ambientale, rilevati attraverso i sensori satellitari, nonché le sue tendenze evolutive nel medio-lungo periodo. Compito del consorzio è valutare come le risorse satellitari del sistema Copernicus di Esa e della sua rete di satelliti Sentinel possano contribuire a studiare, contenere e prevedere l’evoluzione attuale e futura dell’infezione da Sars-CoV-2 e della patologia Covid-19 ad essa associata.