Coronavirus, l’allarme dei neurologi: “numeri aggravati dalla pandemia in corso”

Il violento impatto del coronavirus sulle malattie neurologiche: neurologi a confronto sulle conseguenze causate dal Covid

MeteoWeb

Le conseguenze del coronavirus sono devastanti in ogni settore. Il Covid ha avuto un impatto violento anche sulle malattie neurologiche, ch ehanno avuto un incremento fatale: sono oltre 1.200.000 le persone affette da demenza, di cui 720.000 quelle colpite da Alzheimer, alle quali il lockdown ha provocato un aggravamento dei sintomi comportamentali e un peggioramento del decadimento cognitivo; circa 800.000 sono i pazienti con conseguenze invalidanti dell’ictus, patologia che ogni anno fa registrare 150.000 nuovi casi e che ha mostrato una maggiore incidenza e severità nei pazienti con Coronavirus.

I neurologi si confronteranno proprio su questi temi nella 51ª edizione del congresso nazionale della società italiana di neurologia, dal 28 al 30 novembre. Non mancheranno poi i disturbi del sonno con 24 milioni di italiani colpidi durante la pandemia e la cefalea, sintomo del Covid. “In considerazione di questi numeri, aggravati proprio dalla pandemia in corso. La sfida della neurologia italiana per il futuro si presenta davvero impegnativa e sarà necessario uno sforzo comune per mantenerne i livelli scientifici e migliorarne quelli assistenziali. Il Congresso SIN rappresenta proprio un importante momento di confronto costruttivo, sinergico e di contaminazione che vede coinvolte tutte le forze in campo”, ha dichiarato il prof. Gioacchino Tedeschi, presidente sin e direttore clinica neurologica e neurofisiopatologia, aou università della Campania ‘Luigi Vanvitelli’ di Napoli.