Coronavirus, no a depressione e isolamento totale: in Belgio arriva il ‘compagno di coccole’ in vista del nuovo lockdown

In Belgio arriva il 'compagno di coccole': introdotta una nuova figura per non lasciare le persone da sole e prevenire depressione e altri disturbi nel nuovo lockdown

MeteoWeb

Il nostro Paese è in uno stato di emergenza, in molti ospedali le capacità sono già superate e per questo dobbiamo invertire la curva. L’unica risposta è tutelare il sistema sanitario e per farlo bisogna evitare il più possibile ogni contatto fisico. Ogni membro della famiglia ha diritto a un ‘compango di coccole’. Le famiglie dovrebbero invitare a casa un solo “knuffelcontact” alla volta. Non si può ricevere un’altra visita a casa. C’è un’eccezione per le persone che vivono da sole: possono invitare una persona oltre al loro contatto di coccole, ma non contemporaneamente“, con queste parole il primo ministro belga, Alexander De Croo, ha comunicato l’avvio del lockdown in Belgio, dove si sta vivendo una difficile seconda ondata di contagi da coronavirus.

Il coronavirus sta avendo conseguenze devastanti per quanto riguarda l’aspetto psicologico e sociale, perchè spinge le persone ad isolarsi sempre più. Per questo motivo è stata introdotta in Belgio la figura del “knuffelcontact“, ovvero il contatto di coccole: per non restare del tutto da soli e salvaguardare la salute mentale.

Una figura simile era stata introdotta in alcuni Paesi durante la prima quarantena, ma era dedicata soprattutto a scopi sessuali.

La decisione presa dal governo belga aiuta a salvaguardare la salute mentale, ma anche fisica, delle persone costrette all’isolamento a causa del coronavirus. Avere qualcuno con cui parlare, un ‘compagno di coccole’ aiuta non solo a prevenire disturbi mentali, come la depressione, ma anche problemi fisici, come malattie cardiovascolari e ipertensione.

Il compagno di coccole è una scelta per risolvere non solo i problemi legati alla mancanza di contatto fisico, ma anche e soprattutto al fatto di non avere, per lungo tempo, una persona al proprio fianco, fondamentali nei momenti di paura.