La Repubblica delle Maldive vista dallo Spazio: le immagini dal satellite Copernicus Sentinel-3

Tutte le 1.200 isole che formano la Repubblica delle Maldive sono visibili in questa spettacolare immagine acquisita dalla missione Copernicus Sentinel-3

MeteoWeb

Lo strumento oceanico e colore a bordo della missione Copernicus Sentinel-3 ha una larghezza di impronta a terra di 1.270 km, che ci consente di godere di questa ampia vista delle Isole Maldive e dintorni. Una popolare destinazione turistica, le Maldive si trovano nell’Oceano Indiano, circa 700 km a sud-ovest della punta più meridionale dell’India continentale, visibile nell’angolo in alto a destra nell’immagine.

La nazione è costituita da una catena di piccole isole coralline che sono raggruppate in gruppi di atolli – visibili come strutture di barriera corallina dalla forma circolare o ovale al centro dell’immagine. Distribuite su 90.000 km quadrati di oceano, le Maldive sono una delle nazioni geograficamente più disseminate al mondo. Le isole si estendono per oltre 820 km da nord a sud e circa 130 km da est a ovest.

La maggior parte degli atolli delle Maldive sono formati da un’ampia barriera corallina di forma anulare a supporto di numerose piccole isole. In questa immagine, acquisita il 29 marzo 2020, gli atolli Huvadhu ed Addu (visibili nella parte inferiore dell’immagine) sono parzialmente oscurati dalle nuvole.

Differenti formazioni nuvolose sono visibili sparse intorno all’immagine, la differenza nell’aspetto è dovuta molto probabilmente alla diversa altezza sopra la superficie. L’arcipelago delle Maldive è spesso coperto dalle nuvole, rendendo di conseguenza questa immagine, quasi completamente libera da nuvole, piuttosto rara.

Una delle nazioni più basse al mondo, oltre l’80% del territorio delle Maldive è meno di un metro sopra il livello del mare – mettendo la sua popolazione di oltre 500.000 persone estremamente vulnerabile a mareggiate, onde ingrossate e maltempo. Nel Rapporto Speciale sull’Oceano e la Criosfera nell’ambito del Cambiamento Climatico relativo all’innalzamento del livello del mare si afferma che il livello medio globale del mare probabilmente aumenterà fino a circa 1 metro entro la fine di questo secolo, potrebbe quindi infine ricoprire la maggior parte della nazione.

Programmato per il lancio a novembre dalla base aerea di Vandenberg in California, il satellite Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich sarà il primo di due satelliti identici che saranno lanciati in sequenza, per fornire misurazioni accurate dei cambiamenti del livello del mare.

Per meglio comprendere come l’innalzamento dei mari influisce sull’umanità, scienziati e ricercatori hanno bisogno di dati sul clima registrati sul lungo termine. Copernicus Sentinel-6 assumerà il ruolo di missione di riferimento nell’altimetria radar, continuando le registrazioni delle misurazioni dell’altezza della superficie del mare sul lungo termine iniziate nel 1992 dalla missione franco-americana Topex Poseidon, e poi dalla serie di missioni satellitari Jason. Continuando questa serie temporale, Sentinel-6 consentirà ulteriori ricerche sul clima e sarà di aiuto agli scienziati nel monitorare gli effetti del cambiamento climatico.