Emanuele ha fretta di nascere: un’ostetrica aiuta i genitori al telefono, donna genovese partorisce in casa

Ostetrica aiuta al telefono una coppia genovese, il piccolo Emanuele nasce in casa

MeteoWeb

Cosa ne dite di iniziare la giornata con una bella storia? Quella del piccolo Emanuele che sabato sera ha sorpreso i suoi genitori decidendo di venire al mondo prima del previsto“, con queste parole Giovanni Toti ha raccontato una storia davvero speciale avvenuta in questi giorni difficili caratterizzati dall’emergenza coronavirus. “Grazie all’aiuto dei medici del 118 che hanno guidato al telefono il neo papà Luca, Sonia ha partorito in casa a Genova il loro bambino. Ad aiutare Luca, che non ha perso la calma e ha agito prontamente, dall’altra parte del telefono c’era l’ostetrica Marta Amisano che, con amore e professionalità, ha seguito questo inconsueto parto a distanza. Grazie a lei, ai medici, agli infermieri e agli oss del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale San Martino, diretto dal dottor Claudio Gustavino, per aver aiutato questa bellissima famiglia e per tutti i piccoli e grandi miracoli che compiono quotidianamente con il loro lavoro. In questi giorni di emergenza un vero inno alla vita e alla speranza che fa bene al cuore. Benvenuto Emanuele, da tutta la Liguria“, ha aggiunto il governatore ligure su Facebook.

Una storia speciale che riempie i cuori di gioia in un momento difficile per tutti gli italiani caratterizzata dall’emergenza coronavirus, ancor più difficile per tutte le donne che devono partorire e sono costrette ad affrontare da sole il travaglio e a volte anche il parto, in base alle disposizioni degli ospedali, differenti da città e città (in alcuni posti non è consentito l’accesso ai papà, mentre in altri sì, ma solo dopo aver effettuato il tampone).