Si è dimesso Zuccatelli, il super commissario del Governo in Calabria: “me l’ha chiesto il Ministro che mi aveva nominato”

Calabria, si dimette il neo commissario alla sanità Zuccatelli nominato dal Ministro Speranza per sostituire Cotticelli

MeteoWeb

Il commissario per la sanità in Calabria Giuseppe Zuccatelli nominato pochi giorni fa dal Ministro Speranza si è dimesso su richiesta dello stesso Ministro. “Con la stessa rapidità con cui ho accettato, mi dimetto su richiesta del ministro Speranza per rispetto che ho e ho sempre avuto per le istituzioni. Il ministro mi ha telefonato e non ha avuto bisogno di darmi spiegazioni. Mi ha chiesto di dimettermi ed io l’ho fatto. Non so chi mi sostituirà ma so che mi dimetto da tutti gli incarichi che ho in Calabria” ha detto all’ANSA. Zuccatelli era commissario anche dell’Azienda ospedaliera di Catanzaro e del Policlinico universitario Mater Domini, sempre a Catanzaro.

Zuccatelli, il nuovo commissario scelto da Conte e Speranza per la Calabria: “la mascherina non serve a un cazzo, per prendere il virus devi pomiciare” [VIDEO]

Calabria, il neocommissario alla sanità Zuccatelli: “I virologi? Sono la coda della coda dei medici”

A Palazzo Chigi, dove era atteso un Cdm alle 13 sulla manovra, la riunione è slittata. “Sono ore frenetica, si lavora per uscire dallo stallo“, spiega una fonte di governo. Attesa la nuova nomina ad ore: per la Calabria è fondamentale avere una guida del settore sanitario, a maggior ragione in momento di emergenza e dopo la morte di Jole Santelli che ha lasciato la Regione più povera d’Italia senza il proprio Presidente. Il territorio chiede la fine del commissariamento, che dura da 11 anni, e il ritorno alla gestione Regionale della sanità, come in tutte le altre Regioni. Ma il Governo ha già prorogato il commissariamento per altri 2 anni ed è concentrato adesso semplicemente sulla scelta del nuovo commissario. Si parla molto di Gino Strada, su cui ci sono le pressioni del Movimento 5 Stelle e delle Sardine. Il Governo deciderà nelle prossime ore.