Festività di dicembre in tutto il mondo: dalla caduta di iguane in Florida alla neve in Giappone e il freddo in Europa, le previsioni meteo per Natale

Dalla caduta di iguane in Florida alle incessanti nevicate in Giappone, le previsioni meteo più interessanti per le festività di dicembre nel mondo

MeteoWeb

Le festività di Natale sono ormai alle porte. Addobbi e decorazioni sono già al loro posto e le tradizioni hanno già iniziato ad essere applicate in tutto il mondo, ma come si preparano i vari continenti a festeggiare il periodo delle festività di dicembre dal punto di vista meteorologico? Dalla caduta di iguane in Florida alle incessanti nevicate in Giappone, in questo articolo andremo ad esplorare le condizioni meteo più interessanti e rilevanti per Natale in alcune zone del mondo.

Europa

La settimana che porta al Natale è stata caratterizzata finora dalla presenza dell’Anticiclone su buona parte dell’Europa, ma le cose inizieranno a cambiare nelle prossime ore. Un sistema responsabile di pioggia e vento su Regno Unito e Francia si diffonderà su una grande parte dell’Europa centro-settentrionale nella giornata di domani. Anche se i venti più forti saranno prevalentemente limitati alla Francia nordoccidentale e all’estremo sud-ovest dell’Inghilterra oggi, forti piogge si estenderanno più ad est sul Nord Europa nella giornata di domani. Tra 24 e 25 dicembre, anche se non forti, le piogge potranno diffondersi su gran parte di Germania e Polonia, a bassa quota in Svizzera, Austria e Repubblica Ceca. Neve attesa ad alta quota. Dalle elevazioni maggiori di Galles fino alle Midlands inglesi, la pioggia che cadrà oggi potrà mescolarsi con la neve o persino tramutarsi in neve nella notte.

neve alpi 5 dicembre 2020
Livigno

Il 25 dicembre sarà invece asciutto anche se freddo su gran parte delle Isole Britanniche e nella Francia occidentale. Un mix di pioggia e neve potrà estendersi dalla Francia orientale a Germania e Polonia. Nevicate più costanti assicureranno invece un Bianco Natale sulle Alpi. Un mix di neve, ghiaccio e pioggia sarà possibile in Ucraina e Romania. Al di fuori delle Alpi, parti di Norvegia, Svezia, Finlandia e Russia nordoccidentale fino a gran parte d’Europa avranno un Natale senza neve. La Grecia e il Sud Italia dovrebbero restare asciutte nel giorno di Natale, ma rovesci saranno possibili sulle regioni centrali dell’Italia.

Stati Uniti

albero-natale-new-yorkCome in Europa, anche gli Stati Uniti si preparano a festeggiare il Natale sotto la neve e in condizioni di maltempo. La tempesta arriverà dal Midwest all’Est degli Stati Uniti portando neve e forti piogge. L’arrivo di aria fredda farà sì che anche gli stati meridionali vedranno dei fiocchi di neve alla fine della settimana. I modelli indicano neve sulle Pianure centrali e sul Midwest già nella giornata di oggi, con pioggia dai Grandi Laghi fino alla Costa del Golfo. Entro domani, il sistema potrebbe portare neve sui Grandi Laghi e forti piogge su gran parte della East Coast. Nel giorno di Natale, anche il Nord-Est e l’area del Medio Atlantico potranno essere imbiancate, con alcuni modelli che indicano che i fiocchi potrebbero arrivare fino ad Atlanta nella notte tra 25 e 26 dicembre.

iguana floridaSul finire della settimana, la pioggia scioglierà l’eventuale neve al suolo a Boston. Le temperature massime si aggireranno intorno a +10°C, che significa che il Natale a Boston probabilmente sarà più caldo di Halloween, quando è stata raggiunta una massima di +5,5°C. Ma Boston non sarà l’unica città a fare i conti con temperature anomale questa settimana. Le previsioni di freddo nei prossimi giorni a Miami sono accompagnate da quelle della “caduta di iguane”. Il Servizio Meteorologico Nazionale in Florida ha avvisato che le temperature minime saranno comprese tra 0 e +4°C, il che significa che “è possibile la caduta di iguane”. Questi animali sono a sangue freddo, che significa che la maggior parte della loro energia deriva dal calore del sole. Quando le temperature si abbassano, il sangue di queste creature si raffredda e diventano inerti e immobili, perdendo alla fine la presa sui rami degli alberi. Solitamente le iguane si riprendono, “scongelandosi” lentamente e iniziando a muoversi di nuovo. Tuttavia, se il freddo persiste a lungo, un’iguana congelata può anche morire.

Asia

Anche se il Natale non è osservato molto come festività in gran parte dell’Asia, ecco a grandi linee le condizioni meteo che caratterizzeranno quei giorni. L’evento principale sarà ancora il sea-effect snow che continuerà in Giappone, in particolare sull’isola di Honshu e sulla regione dell’Hokkaido occidentale, sepolte da metri e metri di neve nei giorni scorsi. Gran parte della Cina orientale sarà asciutta, mentre rovesci saranno possibili a Taiwan e nelle Filippine. Le piogge più forti nelle Filippine si verificheranno a sud, per l’avvicinamento di una perturbazione tropicale.

Gran parte dell’India e le aree vicine saranno asciutte, così come gran parte del Medio Oriente, ad eccezione di un sistema di tempesta che porterà pioggia e neve in montagna nell’Iran nordoccidentale.

Australia e Nuova Zelanda

In Australia, solo 3 stati saranno fortunati da avere un classico Natale australiano, con sole e caldo. Gran parte dell’Australia meridionale, incluse Perth, Brisbane, Canberra e Sydney, dovrebbe svegliarsi con condizioni asciutte nel giorno di Natale, mentre una depressione porterà piogge e temporali sull’Australia centrale. Il rischio più grande sarà nel Queensland centrale, dove sono possibili alluvioni lampo ed esondazioni dei fiumi.

Rovesci sparsi sono possibili sui settori occidentali dell’isola settentrionale della Nuova Zelanda, con migliori possibilità di rovesci per l’isola meridionale. Sul fronte temperature, Perth dovrebbe raggiungere i +35°C, Syndey +25°C, Melbourne e Auckland +21°C.

Africa

Un fronte freddo dovrebbe produrre pioggia e temporali dal Mozambico all’Angola e alla Repubblica Democratica del Congo. Gran parte del resto dell’Africa avrà condizioni asciutte per il giorno di Natale. Tuttavia, l’area principale di attenzione sarà la potenziale tempesta tropicale Chalane a nord-est del Madagascar e a nord delle Isole Mascarene.