Il paradiso naturale dei parchi nazionali in Thailandia

La lussureggiante natura dei Parchi Nazionali in Thailandia offre scorci di inimmaginabile bellezza tra grotte calcare, foreste pluviali, montagne e specie animali e vegatali uniche al mondo

MeteoWeb

Foreste tropicali e pluviali, cascate e corsi d’acqua, praterie e savane sono solo alcuni degli incredibili spettacoli offerti dalla lussureggiante natura dei Parchi nazionali in Thailandia. Un universo floristico che ospita una fauna ricchissima di specie animali spesso a rischio di estinzione e tutelate negli oltre cento parchi che occupano circa il 14% della superficie marina e terrestre del Paese.

Il Parco di Khao Yai

cascata di Haew NarokUno dei primi parchi nazionali della Thailandia ad essere istituito nel 1962 è il Parco di Khao Yai che si estende per oltre 2.000 chilometri quadrati e su ben quattro province a nord est della capitale Bangkok.

Oltre ad includere praterie, savane e foreste pluviali è rinomato tra gli alpinisti perché la sua altitudine varia tra i 400 e i 1000 metri e offre ai viaggiatori la possibilità di effettuare lunghe sessioni di scalate, ma anche di visitare la grande cascata di Haew Narok.

bucero bicornoTra le moltitudini di animali che si possono osservare qui ci sono molti elefanti, animali sacri per il popolo thailandese poiché portano fortuna e pace tanto da essere considerati il simbolo della nazione.
Ma tra le specie eccezionali che è possibile ammirare tra le foreste di questo parco vi sono soprattutto le nutrite colonie di buceri bicorni, straordinari volatili variopinti che con il loro fragoroso volo producono un frastuono facilmente riconoscibile anche da chi non ha nessuna esperienza ornitologica.

Il Parco Nazionale Khao Sok

Rafflesia_arnoldiLa provincia di Surat Thani accoglie il Parco Nazionale di Khao Sok che si trova tra la costa dell’Oceano Indiano e il Golfo della Thailandia.
È una riserva naturale costituita prevalentemente da giungla e foresta grazie al grande quantitativo di precipitazioni che si riversa sul territorio e fornisce sostentamento a una vegetazione rigogliosa tra cui spicca una pianta singolare, la Rafflesia.
Questa è una pianta parassita, il cui fiore ha un pungente odore di carne putrefatta che attira gli insetti impollinatori, ma la sua caratteristica più ragguardevole è che si tratta della pianta che produce il fiore più grande del mondo.

cheow lan lakeLa stagione migliore per visitare questo parco è tra giugno e ottobre, da evitare invece la stagione dei monsoni tra aprile e maggio che potrebbe comportare il rischio di imbattersi in pericolose inondazioni.
Oltre alla foresta pluviale, il parco è circondato da imponenti montagne e ricco di vallate e di grotte, ma da non perdere sono certamente le formazioni calcaree alte fino a 400 metri che si innalzano dal lago artificiale Chiaw Lan.

Il parco Nazionale di Kaeg Krachan

kaeng-krachan-national-park

La riserva naturale di Kaeng Krachan non è solo uno dei più bei parchi nazionali in Thailandia ma anche uno dei più grandi parchi nazionali presenti nei paesi asiatici.
Si trova nella provincia di Phetchaburi e ne occupa quasi la metà del territorio; è coperto da un bosco che ogni mattina tra dicembre e marzo viene ammantato da una caratteristica fitta nebbia.

elefantiSono numerosissimi i mammiferi che lo abitano, tra di essi: elefanti, orsi, cani selvatici, leopardi e tigri; tra i più particolari, però, vi sono le scimmie langur argentee che si riconoscono dal manto arancio acceso dei piccoli che diventa scuro solo con l’età adulta. Tra le specie volatili si possono individuare, invece, oltre 400 tra farfalle e uccelli.
Per un’esperienza a contatto con la fauna si possono programmare le escursioni attraverso i sentieri del parco ma anche una gita in barco sul fiume o sul lago.

Il Parco Khao Sam Roi Yot

tempio khao sam roi yot

Anche se non è possibile visitare tutti i parchi nazionali in Thailandia con un solo viaggio nel paese è consigliabile passare per il parco di montagna Khao Sam Roi Yot che si estende a sud di Hua Hin.
Nei mesi di gennaio e febbraio si possono ammirare le migrazioni di oltre 300 specie di uccelli che fanno tappa qui prima di partire per l’Australia. Ma è tra le spiagge e le lagune del parco che si può davvero perdere il senso del tempo magari sorseggiando un aperitivo tra le capanne che si trovano sulle spiagge scelte come location di numerosi film.

Una delle attrazioni più suggestive del Paese di trova proprio qui, si tratta del Tempio Kuna Karuhas che fu costruito nel 1890 in occasione della visita del re Chulalongkorn all’interno di una delle numerose  del parco, un edificio leggero che viene illuminato da una luce ultraterrena che filtra tra le pareti di pietra.