Passaporto sanitario e scetticismo dei medici sul vaccino anti-covid, Sileri duro: “colleghi con dubbi? Meglio che cambino mestiere”

Sileri non esclude la possibilità di un passaporto sanitario in futuro e ai colleghi che ancora mostrano scetticismo sul vaccino anovid non le manda a dire

MeteoWeb

E’ iniziata la campagna di vaccinazione contro il virus di SARS-CoV-2: anche in Italia tanti medici, infermieri e operatori sanitari si sono sottoposti al vaccino, ma c’è ancora chi è scettico. Proprio su questo scetticismo della popolazione, ma anche di diverse persone del personale sanitario è intervenuto oggi Sileri:Un “passaporto sanitario” per chi ha ricevuto il vaccino? È molto probabile che nel prossimo futuro per svolgere diversi tipi di attività sarà richiesto in qualche di comprovare l’avvenuta somministrazione del vaccino. Non è però un tema di competenza esclusivamente interna: istituzioni internazionali quali la Commissione Europea e l’Oms stanno valutando una proposta di certificato internazionale digitale. Già ora, una volta effettuata, viene rilasciata una normale certificazione di avvenuta vaccinazione. Da questo documento al ‘passaporto sanitario’ c’è ancora molta strada da fare, ma è senz’altro uno sviluppo possibile“, ha affermato il viceministro della Salute all’Adnkronos.

Il chirurgo e politico italiano ha commentato poi lo scetticismo di alcuni medici: “Rimango perplesso quando sento di colleghi medici o infermieri restii a farsi il vaccino. Posso arrivare a capire le perplessità o anche la riluttanza di un normale cittadino che non ha studiato medicina e che non si fida ancora del tutto, ma penso francamente che chi, dopo anni di studio e di specializzazione in medicina e chirurgia e dopo aver visto tutto ciò che è accaduto in questi mesi, abbia ancora dei dubbi è meglio che cambi mestiere. Ma sono certo che si tratta di un numero ridottissimo di casi“. “Il 27 dicembre 2020 è stato un giorno cruciale per tutta l’Europa, con una forte importanza simbolica perché segna l’inizio di un nuovo capitolo di questa vicenda, fino a oggi così dolorosa: finalmente esiste un’arma efficace per contrastare il virus. La campagna ha uno scopo chiaro: ottenere un’altissima adesione alla vaccinazione. Io sono molto fiducioso che questo possa avvenire“, ha concluso.