Rocco Siffredi ed il coronavirus: “ho avuto rapporti quando ero positivo. Quando finisce tutto scoppia la bomba atomica del sesso”

Rocco Siffredi, il coronavirus ed il sesso durante la sua positività: il pornoattore racconta la sua esperienza col Covid, guardando al futuro con ottimismo e ironia

MeteoWeb

Rocco Siffredi colpisce ancora: il famoso pornoattore italiano ha attirato l’attenzione su di sè raccontando la sua esperienza col coronavirus. Intervistato in una diretta Instagram da Le Iene, Siffredi ha raccontanto come ha vissuto la sua positività al Covid, ammettendo di non aver fatto grossi sacrifici. “40 giorni prima di tornare negativo! Ho avuto febbre, nausea, mal di testa, poco olfatto e il gusto? Tutto sapeva di calce. Non ho mai smesso di fare sesso: io ero positivo, anche mia moglie lo era e quindi non abbiamo mai rinunciato al piacere. Ho usato qualche senso in meno lasciando molto all’immaginazione. Abbiamo fatto sesso quando eravamo positivi. Ma ho dovuto immaginare tante cose a causa del covid infatti non sentivo gli odori! Anche dopo che ero guarito ho avuto tante difficoltà…ora lentamente sta tornando tutto normale. Puoi essere figo ricco o forte se ti becca ti fa male“.

Siffredi ha parlato anche del vaccino, ammettendo di non essere cosi certo di sottoporsi a vaccinazione: “Non so se farò il vaccino… aspetterò! Io ho avuto per 40 giorni il Covid quindi preferisco aspettare“, ha ammesso, precisando però che il Covid è una malattia davvero brutta: “Un mio amico è finito in pre-intensiva in ospedale. Se si arriva lì con una polmonite sono cazzi amari. Puoi essere figo, ricco, giovane o vecchio: becca tutti e non si capisce in che direzione si prenda”. Infine Siffredi si è lasciato andare ad un commento sul futuro: “Il 2021 sarà un anno di rinascita. Ora sia uomini che donne si ritrovano come in letargo, ma attenzione perché quando finisce tutta questa storia scoppia la bomba atomica del sesso. Ci saranno orge gigantesche e io dovrò organizzare party infiniti e finalmente potremo dire Vaffa virus, welcome back life!