Festività di dicembre in tutto il mondo: le tradizioni culinarie più curiose del Capodanno

Il Capodanno è tra le più sentite festività di dicembre in tutto il mondo e viene celebrato in tavola con tradizioni culinarie diverse per ogni paese, tutte destinate a propiziare il nuovo anno

MeteoWeb

Il Capodanno è tra le festività di dicembre in tutto il mondo quella più celebrata perché non ha carattere religioso e accoglie tradizioni differenti per ogni Paese, soprattutto per quanto concerne i cibi che vengono consumati per propiziare il nuovo anno e il cenone di Capodanno.

Dalle ceneri nello champagne russo, alle monetine dei dolci britannici e greci, passando per i dolci “rotondi” dell’Olanda e della Penisola Scandinava, per arrivare all’usanza argentina di consumare fagioli ma rigorosamente indossando intimo color rosa, sono alcune tra le più originali e divertenti tradizioni culinarie dell’ultima notte dell’anno.

In Spagna l’uva di mezzanotte

I nostri cugini spagnoli per la noche vieja, cioè la sera tra il 31 dicembre e il 1° gennaio, si concedono un cenone a base di pesce e crostacei, alla fine del quale ogni ospite consuma 12 acini di uva.
Ogni chicco viene consumato a ciascun rintocco dell’orologio della Puerta del Sol di Madrid, uno in rappresentanza di ogni mese dell’anno e uno per ognuno dei rintocchi della mezzanotte.
Chi riuscirà a mangiarli mantenendo il ritmo avrà garantita la fortuna nell’anno a seguire.

Lo spuntino della mezzanotte di Capodanno a Berlino

PfannkuchensAnche i tedeschi hanno una tradizione di Capodanno che ripetono ogni anno a mezzanotte, i teutonici, infatti, fanno uno spuntino a base di Pfannkuchens, un dolce arrotolato ripieno di liquore o di marmellata.
A coloro che vengono presi di mira per uno scherzo, però, capiterà di ricevere un Pfannkuchens ripieno di senape o spezie piccanti!

Il Capodanno in Germania, però, è anche Feuerzangenbowle, una bevanda calda che si prepara aromatizzando il vino rosso e il rum con chiodi di garofano, cannella e arancia.
La preparazione e il gusto ricordano spiccatamente il vin brulé amato anche in Italia soprattutto nel Canton Ticino.

I tedeschi alla mezzanotte brindano con il Feuerzangenbowle e si scambiano dei cioccolatini augurandosi vicendevolmente buona fortuna.
Ma soprattutto fanno attenzione, al termine del cenone, che in tavola vi sia ancora un piatto pieno di cibo, per invitare in casa e accogliere l’anno nuovo con l’abbondanza e nel migliore dei modi possibili.

I fagioli di Capodanno in Argentina

Il Capodanno è tra le feste di dicembre in tutto il mondo particolarmente sentito anche dagli argentini che celebrano l’inizio del nuovo anno con un pasto a base di fagioli che sono ritenuti un alimento di buon auspicio per la propria carriera.
I fagioli, infatti, garantiranno sicurezza a coloro che hanno un lavoro non stabile e creeranno opportunità interessanti per coloro che vogliono fare un salto di qualità dal punto di vista lavorativo.

Se poi si volesse accompagnare la fortuna lavorativa con quella sentimentale, allora per gli argentini non ci sarà altro modo per ottenerla se non sedersi al tavolo di Capodanno indossando sotto i propri abiti un paio di mutandine rosa.

A forma di cerchio i dolci di Capodanno in Olanda

OliebollenUno degli alimenti tipici delle festività di dicembre in tutto il mondo sono i dolci e l’Olanda non fa eccezione, infatti qui sono molto apprezzate due specialità natalizie come le Oliebollen, particolari frittelle che tipicamente contengono uvetta ma che sono disponibili anche con le varianti di canditi e di mele; e gli Appelflappen, dolci di pasta sfoglia ripieni di mele.

Se tradizionalmente questi ultimi hanno una forma triangolare per il Capodanno vengono fatti di forma tondeggiante perché nei Paesi Bassi i dolci del cenone devono avere rigorosamente la forma del cerchio. Questa rappresenta, infatti, la fine dell’anno passato e l’inizio del nuovo anno, in un ciclo che non si chiude rinnovandosi nel tempo e non fermandosi mai.

In Gran Bretagna pudding con sorpresa

Christmas PuddingIn Gran Bretagna il Christmas Pudding è il tradizionale dolce delle festività natalizie che viene preparato con canditi, mandorle e rum, ma viene riproposto anche la sera di Capodanno in una versione “alternativa”.
Nell’impasto, infatti, vengono aggiunte delle monetine, solitamente da 5 pence e coloro che avranno la fortuna di trovarle durante la degustazione della prelibatezza inglese avranno ricchezze garantite per tutto il nuovo anno.

Promesse d’amore nel dolce scandinavo di Capodanno

KransekakeIl dolce tipico del Capodanno scandinavo è la Kransekake, una torta d’aspetto davvero regale che è composta da una serie di anelli sovrapposti.

Gli anelli sono il simbolo dell’amore eterno e i dolci realizzati con questa forma sono perfetti per celebrare le promesse d’amore da mantenere nell’anno che verrà.

Un altro piatto tipico che non può mancare la notte di San Silvestro nella penisola scandinava è l’aringa in salamoia, che viene servita durante il cenone solitamente con cipolle e sottaceti.

Le aringhe secondo la tradizione assicurano un anno di prosperità e di generosità.

In Giappone ogni piatto ha un significato

Kouhakukamaboko

Durante il Capodanno in Giappone il menù del cenone è curato minuziosamente e ogni piatto ha un significato legato alla sua ricetta.
I Kuromane, per esempio, sono fagioli neri di soia che secondo le credenze favoriscono la salute di chi li consuma; il Kouhakukamaboko, invece, è una tipologia di surimi che viene realizzato con due colori che hanno un significato preciso: il rosso che rappresenta la fortuna e il bianco che simboleggia la purezza.

L’Otoso è molto popolare tra le bevande che si consumano la notte di Capodanno, si tratta di una varietà di sakè che ha la capacità, secondo la credenza nipponica, di scacciare gli spiriti maligni e allontanare malattie e noie da chiunque lo beva.

La festa di San Basilio in Grecia

Torta di San BasilioIn Grecia, la notte del 31 dicembre, a differenza di molte altre festività di dicembre in tutto il mondo che si celebrano questa precisa notte, si festeggia San Basilio. È lui che porta i regali ai bambini che sono stati buoni durante l’anno passato.

Sulla tavola del cenone di Capodanno la tradizione ellenica ha dolci tipici come: i Kourabiedes, biscotti di pasta frolla a base di mandorle; i Melomakarona, biscotti tipici a forma di uovo con miele o sciroppo e la Torta di San Basilio, all’interno della quale viene nascosta una monetina che preannuncia un anno ricco e prospero a chi la trova durante l’assaggio della sua fetta.

Champagne alla cenere per il Capodanno russo

brindisiIn Russia, si sa, non mancano mai le bizzarrie che la tradizione immancabilmente propone anche durante le festività natalizie, come l’uso di salutare il nuovo anno piantando un albero in immersione sotto i ghiacci che ricoprono il lago Baikal.

Ma il Capodanno è anche un momento in cui pensare ai propri desideri e alle proprie aspirazioni per l’anno venturo; la tradizione prevede che si scriva il proprio desiderio su un foglio di carta e che si bruci immediatamente dopo, mettendo le ceneri nello champagne e consumandolo obbligatoriamente entro il 12 gennaio se si desidera che venga esaudita la propria speranza.