‘Le più belle frasi di Osho’ scompare da Facebook, pagina ripristinata: “m’ero scordato de pagà ‘na bolletta”

E' stata ripristinata la pagina Facebook "Le più belle frasi di Osho": sembra essersi trattato di un errore a seguito di una segnalazione

MeteoWeb

Questa mattina tanti utenti Facebook hanno segnalato la scomparsa della pagina “Le più belle fras di Osho”: “non è disponibile”, questa la dicitura per chi cercava le vignette satiriche di Palmaroli sulla crisi di governo. Il fondatore della pagina ha così commentato quanto accaduto stamattina: “sto aspettando notizie su quanto è successo, perché ancora non è molto chiaro, ma escluderei la censura, perché non ho fatto niente che possa essere censurato. Se avessi pubblicato una svastica, l’avrei capito, ma non c’è nulla di censurabile. Capisco che tutti, dopo i fatti americani, pensino ad una censura, è normale pensare a quello. In realtà è successo a tante persone, e sapendo la mia collocazione ideologica non è proprio quella che piace ai più, viene spontaneo pensarlo, ma io lo escludo“,  ha affermato il vignettista all’Adnkronos. 

Io ringrazio tutti quelli che mi hanno espresso solidarietà perché fa piacere vedere questa ‘sommossa popolare’ ma è un modo anche per tranquillizzare tutti. Sarebbe davvero un po’ strano che ci fosse una censura. Vorrei comunque dire una cosa: siccome per i più svariati motivi uno si può svegliare la mattina e non trova più la mia pagina, consiglio a tutti di comprare il mio libro (‘Vedi de fa’ poco lo spiritoso’, ndr)“, ha scherzato ancora Palmaroli.

La pagina “Le più belle frasi di Osho” è stata ripristinata

La pagina Facebook “Le più belle frasi di Psho è stata ripristinata, per la gioia di tutti gli utenti che ogni giorno guardano le vignette satiriche di Palmaroli. Ma cosa è successo? A spiegarlo è stato un portavoce di Facebook: “abbiamo rimosso questa Pagina dopo aver ricevuto una segnalazione di violazione della proprieta’ intellettuale. La Pagina e’ stata rimossa per errore ed e’ stata ripristinata“, ha affermato all’AGI.

I chiarimenti di Palmaroli

Intanto ringrazio tutti per la solidarieta’. Siete il mio settimo cavalleggeri. Quanto ai motivi della chiusura temporanea della pagina, pur comprendendo coloro che hanno pensato che fosse dovuta a motivazioni legate ai contenuti da me pubblicati, vi informo che non e’ stata provocata da quelli, anche perche’ la mia satira non e’ mai stata ne’ violenta ne’ offensiva. Semplicemente m’ero scordato de paga’ ‘na bolletta. Scherzi a parte, c’e’ stata una segnalazione relativa al soprannome con cui ormai tutti mi conoscete e un conseguente errore di valutazione da parte di facebook, riconosciuto dopo il mio reclamo. Tutto a posto. Comunque pe sicurezza il libro compratevelo… ‘n se sa mai“, queste le parole di Palmaroli per spiegare quanto accaduto oggi alla sua pagina Facebook.

Le più belle frasi di Osho, Federico Palmaroli a MeteoWeb: “la pandemia ha spodestato il meteo, ma tornerò a far parlare Greta”