SARS-CoV-2, il Ministro Spadafora perde la testa su Facebook: “il virus non e? piu? credibile”

Il ministro Spadafora lascia senza parole: le risposteshock agli utenti Facebook dopo il rinvio della riapertura di piscine e palestre

/
MeteoWeb

Palestre e piscine dovranno attendere ancora prima di poter riaprire, così come gli impianti sciistici. Il coronavirus sta avendo un impatto devastante su queste attività riguardanti il mondo dello sport. Così il ministro Spadafora ha deciso di pubblicare su Facebook un post dedicato alla situazione attuale che sta affrontando l’Italia, con un focus particolare sui sostegni economici. In tantissimi, però, non sono d’accordo con le parole di Spadafora e hanno manifestato il loro dissenso con dei commenti, alcuni dei quali hanno ricevuto risposta da parte del ministro. Risposte che lasciano tutti a bocca aperta.

Il post di Spadafora

Il virus non dà tregua, l’Europa è in gran parte nuovamente in lockdown. Da domenica la maggior parte delle regioni italiane torna in zona rossa o arancione. Il che vuol dire che la stragrande maggioranza delle attività di ogni genere saranno sospese. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, è stato molto chiaro: il rischio per l’Italia nelle prossime settimane è altissimo e dobbiamo scongiurare un nuovo lockdown nazionale. Ieri sera abbiamo discusso a lungo in Consiglio dei Ministri e insieme al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e a tutti i colleghi abbiamo deciso che fossero inevitabili ulteriori misure restrittive in tutti i settori fino al 5 marzo. Per questo sempre ieri si è decisa una nuova tranche di sostegni economici. Nel decreto che approveremo la prossima settimana inserirò il bonus per i collaboratori sportivi fino al 5 marzo, un nuovo fondo perduto con maggiori risorse per ASD e SSD, il fondo per le partite Iva e altre misure di sostegno. Seguirò personalmente l’applicazione di ogni singolo intervento perché avvenga in tempi rapidi e senza alcun problema. Ho piena consapevolezza che migliaia di imprese sportive sono in gravissima difficoltà e rischiano di chiudere per sempre. Condivido quotidianamente il dramma di ogni persona colpita dalle nostre misure: dei proprietari delle strutture sportive in ginocchio, dei Presidenti delle associazioni e delle società sportive, dei lavoratori sportivi, dei tanti appassionati e soprattutto dei giovani ai quali stiamo sottraendo un pezzo della loro vita sociale e della cura del benessere psico-fisico. Oggi il mio ruolo mi impone di prendere decisioni che possono non essere condivise ma che in coscienza ho il dovere di perseguire, anche se queste risultano fortemente impopolari. Abbiamo iniziato – e siamo primi in Europa per velocità – la campagna di vaccinazione, l’unica definitiva strada per uscire una volta per tutte dalle limitazioni. Nel frattempo abbiamo il dovere di tenere i numeri sotto controllo, perché dietro quei numeri ci sono le vite dei nostri familiari, dei nostri amici.

I commenti degli utenti e le risposte shock di Spadafora

Diversi utenti hanno commentato le parole di Spadafora. C’è chi ha proposto la”possibilità di lavorare con lezioni personalizzate, rispettando un tot di metri quadrati per persona“: “è ciò che abbiamo provato a fare ma la verità è che ci sono i presupposti per una nuova terribile ondata“, ha risposto Spadafora. A chi invece scrive “‘com’era la storia della riapertura a fine gennaio? Ormai non siete più credibili, se dobbiamo fare un mese di lockdown facciamolo, ma facciamolo seriamente e riapriamo!”, Spadafora ha risposto: “è il virus che non è più credibile“. Infine a chi invita Spadafora e tutti i suoi colleghi a “bloccare stipendio fino a fine pandemia, per riacquistare credibilità“, Spadafora ha risposto “servisse davvero a qualcosa”