Tempesta Filomena, a Madrid spuntano i negazionisti della neve: “è plastica!” [VIDEO]

La neve non si scioglie, quindi è plastica! A Madrid i negazionisti della neve: virali sui social i video con uno strano esperimento per gridare al complotto

MeteoWeb

Da giorni ormai non si fa altro che parlare dell’incredibile nevicata in Spagna. La tempesta Filomena ha creato uno scenario surreale, imbiancando Madrid. Come se non bastassero i negazionisti che non credono nell’esistenza del coronavirus, adesso, in Spagna, spuntano anche coloro che gridano al complotto dopo l’abbondante nevicata dei giorni scorsi. Proprio così: sono diventati virali sul web dei video di abitanti spagnoli che affermano che quella caduta a Madrid non sia neve, ma plastica. A dimostrazione della loro tesi un esperimento davvero bizzarro: i negazionisti della neve provano a bruciarla con un accendino. “Non si rompe, si annerisce e puzza di plastica bruciata. L’acqua dovrebbe sciogliersi e cadere queste sono le stronzate che ci dicono. È plastica pura. Non si può continuare a barare con tutto“, afferma una donna in uno dei video diventati virali. Le fa eco anche un ragazzo, che sui social mostra lo stesso esperimento.

Perchè la neve non si scioglie?

A spiegare il fenomeno scientifico mostrato dai due negazionisti della neve ci pensa un utente di Twitter: “Il nero è il carbonio degli idrocarburi dell’accendino. E la palla di neve non si scioglie a causa di un effetto molto simile all’effetto Leidenfrost sulle superfici (quando una sostanza liquida si vaporizza entrando in contatto con una superficie avente temperatura significativamente più alta del suo punto di ebollizione. n.d.r.). Il primo strato di neve sublima e forma un film di vapore che respinge il calore”.

“E’ plastica!”: a Madrid spuntano i negazionisti della neve [VIDEO]