Dalle minacce di morte al vaccino russo contro il Covid, Bassetti lancia l’appello: “non perdiamo quest’opportunità”

Bassetti, le minacce di morte ricevute dopo la lite con un medico negazionista in tv e l'apertura al vaccino russo contro il coronavirus
MeteoWeb

Nei giorni scorsi si è tanto parlato delle clamorose minacce di morte ricevute da Matteo Bassetti sui social dopo la lite in tv di qualche giorno fa con un medico negazionista. Il direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e componente dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria ha raccontato oggi di aver presentato denuncia: “ieri ho passato buona parte della mattina in Questura a Genova per denunciare chi mi minaccia di morte sui social“, ha affermato all’Adnkronos.

L’esperto ha poi aperto una parentesi sul vaccino russo, lanciano un importante appello all’Italia per l’approvazione: “Non aprire al vaccino russo sarebbe gravissimo. E’ pronto e ci sono già pronte 50-60 milioni di dosi per Europa. Dobbiamo accedere molto rapidamente all’approvazione, non tra un mese. Come Italia non dobbiamo perdere questa opportunità, altrimenti finisce per andare in altri in Paesi come il Sudamerica. Già abbiamo commesso alcuni errori nei mesi passati, ora dobbiamo correre“, ha concluso Bassetti.

Condividi