Maltempo Calabria, Sorical: “gravi danni all’acquedotto Abatemarco, a Rota Greca”

Nel territorio di Rota Greca si sta procedendo ad una doppia riparazione della condotta che alimenta i comuni ricadenti nel tratto compreso tra Mongrassano centro a Montalto Uffugo centro"

MeteoWeb

Una serie di rilevantissimi eventi franosi delle ultime ore hanno causato il danneggiamento dell’Abatemarco, il piu’ rilevante degli acquedotti regionali e dal quale dipende l’erogazione di 25 comuni della provincia di Cosenza”. E’ quanto si afferma in un comunicato della Sorical.

Nel territorio di Rota Greca – si aggiunge – si sta procedendo ad una doppia riparazione della condotta che alimenta i comuni ricadenti nel tratto compreso tra Mongrassano centro a Montalto Uffugo centro. L’ultimazione dei lavori e’ prevista nella notte. Ben piu’ grave e’ la situazione a San Donato di Ninea perche’ si sono staccate delle vere e proprie colate di fango e detriti sulle pendici del monte Mula ed hanno investito in pieno la condotta principale dell’acquedotto Abatemarco. Le frane hanno investito l’acquedotto proprio nel tratto sommitale, ove una condotta in acciaio del diametro di un metro collega la galleria di Monte Mula, ove vengono raccolte tutte le acque che alimentano l’acquedotto, e la vasca di carico da cui hanno poi origine le condotte adduttrici che giungono fino ai serbatoi della citta’ di Cosenza. I dissesti, con ogni probabilita’ originati dalle copiose piogge dei giorni scorsi, sono di estrema gravita’ ed hanno trascinato nel loro moto alberi d’alto fusto e decine di migliaia di metri cubi di fanghi e detriti. Le squadre operative della Sorical, immediatamente attivatesi, non hanno potuto raggiungere i luoghi se non percorrendo a piedi dei lunghi tratti di pista entro i fitti boschi che ammantano tali aree”.

Domattina all’alba – e’ detto ancora nella nota della Sorical – sara’ riavviato l’acquedotto, sotto lo stretto monitoraggio di squadre specializzate mentre Sorical ha gia’ attivato le migliori imprese del settore per iniziare dapprima le operazioni di rimessa in sicurezza delle condotte nelle aree franate. Nei giorni successivi, anche di concerto con la Protezione civile, che e’ gia’ stata informata degli eventi, si valuteranno le piu’ opportune azioni per intervenire al meglio sulle frane”.