Spazio, ESA sta cercando nuove astronaute e nuovi astronauti europei: tutto quello che c’è da sapere sulla nuova selezione

ESA sta cercando nuove astronaute e nuovi astronauti europei che si uniscano alla più grande avventura dell'umanità

MeteoWeb

Per la prima volta in oltre un decennio, ESA sta cercando nuove astronaute e nuovi astronauti europei che si uniscano alla più grande avventura dell’umanità, un viaggio di scoperta a beneficio del nostro pianeta.

Oltre all’annuncio relativo al reclutamento di nuovi membri per il corpo astronautico ESA, l’agenzia sta offrendo un posto nell’ambito del progetto di fattibilità “Parastronauta“, per selezionare un o una astronauta con determinate condizioni di disabilità fisica. Inoltre, l’ESA sta lavorando con i partner internazionali e commerciali per i voli nello spazio al fine di valutare la possibilità di mandare il/la candidato/a o i/le candidati/e che passeranno la selezione sulla Stazione Spaziale Internazionale, in una missione ESA sicura e utile.
Nel frattempo, il/la candidato/a selezionato/a continuerà a far parte del team di riserva del corpo astronautico costituito da candidati e candidate ESA.

Il nuovo sito web per chi ha interesse a candidarsi https://www.esa.int/YourWayToSpace è ora online e offre una panoramica sul ruolo dell’astronauta dell’ESA, sui requisiti di selezione, sull’addestramento di astronauti e astronaute e sulle attività dell’ESA.

Entrambe le selezioni per i ruoli da astronauta e astronauta con disabilità fisiche saranno aperte dal 31 marzo al 28 maggio 2021. L’ESA prenderà in considerazione solo le domande presentate sul sito web ESA Careers entro queste otto settimane. Successivamente, inizierà il processo di selezione strutturato in sei fasi, il cui completamento è previsto a ottobre 2022.

Diventare un’astronauta è stato un sogno che si è avverato. Riunisce molte delle mie passioni: scienza e tecnologia, macchinari complessi, impegnativi ambienti di lavoro, team internazionali, preparazione fisica, risonanza pubblica. E, naturalmente, ogni tanto ti capita di fare un giro su un razzo per lavoro!“, ha affermato Samantha Cristoforetti,  astronauta dell’ESA.