Spazio, Parmitano: “Bene guardare a Marte ma il nostro futuro è sulla Terra. Dall’alto gli effetti del clima sul pianeta sono evidenti”

"Mi piace pensare che chi andrà su Marte sia già nato. Ma non perdiamo d'occhio il nostro Pianeta", afferma l'astronauta Luca Parmitano

MeteoWeb

Sono ore frementi per tutti gli esperti e gli appassionati di astronomia, con il rover Perseverance della NASA che tra poche ore tenterà l’ammartaggio per poi andare a caccia di segni di vita su Marte. Negli ultimi anni, il Pianeta Rosso è diventato il centro dell’esplorazione spaziale, con il sogno di crearvi una colonia. Intervenuto questa mattina nell’ambito dell’evento ‘La scuola, il futuro della nostra Comunita”, Luca Parmitano, militare e astronauta italiano, ha affermato: “Mi piace pensare che chi andra’ su Marte sia gia’ nato. Ma non perdiamo d’occhio il nostro Pianeta. È bene guardare al Pianeta Rosso come una destinazione, ma il nostro destino come umanita’ e’ ancora ben piantato sulla Terra”.

Oggi è un giorno storico, Perseverance sbarca su Marte: tutto quello che c’è da sapere sulla missione Mars 2020 e come seguire l’atterraggio in diretta

Da Perseverance a ExoMars, Vago (ESA) a MeteoWeb: “Perché Marte è così importante e cosa significa andare a caccia della vita”

A proposito del nostro pianeta, Parmitano ha anche parlato della situazione clima: “Vedere lo stato del pianeta dall’alto puo’ essere preoccupante, c’e’ ancora molto lavoro da fare. Mi rifaccio agli studi di chi osserva questi fenomeni, non sono un esperto, ma sono un testimone di come i cambiamenti climatici siano in corso e come l’impatto sulla nostra vita e sulla stabilita’ del pianeta siano evidenti. In orbita ha assistito costantemente a eventi naturali di capacita’ distruttiva senza precedenti – ha raccontato Parmitano agli studenti connessi – come l’uragano Dorian, gli incendi in Amazzonia o Australia. Incendi per la maggior parte causati dall’uomo per disperazione, per recuperare dalle foreste territori utili per l’allevamento. Ma il problema e’ complesso e deve avere una risoluzione a livello politico e coordinato a livello mondiale”.

In collegamento da Bonn, in Germania, Parmitano ha poi aggiunto che “i cambiamenti di cui abbiamo bisogno devono essere tecnologici: dobbiamo chiedere alla tecnologia di fare passo avanti e chiederci quali sistemi di produzione energetica siano sostenibili”. L’astronauta ha poi fatto riferimento al freddo artico che sta provocando problemi negli Stati Uniti: “I danni causati sono un impatto vero, reale, per milioni di persone“.

Meteo, ondata di gelo storica in Texas: ad Austin, sullo stesso parallelo del Cairo, 16cm di neve e clamorosi -14°C [FOTO]