Il grande asteroide Apophis si avvicina alla Terra: il passaggio del 6 marzo prima del fatidico 13 aprile 2029

Il famigerato asteroide Apophis, ampio circa 300 metri, compirà un passaggio ravvicinato alla Terra il 6 marzo 2021

MeteoWeb

Un famigerato asteroide del nostro sistema solare passerà vicino alla Terra nelle prossime ore. Parliamo dell’asteroide Apophis, che si avvicinerà ancora di più il 13 aprile 2029, quando passerà attraverso la zona dei satelliti geostazionari, a circa 30.000 chilometri dalla superficie terrestre.

L’asteroide è ampio circa 300 metri ed è stato scoperto nel 2004. Le prime stime suggerivano una piccola possibilità di impatto di Apophis sulla Terra nel 2029, ma alla fine gli scienziati hanno escluso questa possibilità dopo aver analizzato le immagini d’archivio. L’approccio ravvicinato avverrà alle ore 2:15 del 6 marzo 2021, a 0,11 unità astronomiche (un’unità astronomica è la distanza media tra la Terra e il sole, ossia 150 milioni di chilometri). Quindi, anche se il passaggio è ravvicinato in termini astronomici, Apophis resterà ad una distanza di sicurezza dal nostro pianeta, pari ad oltre 16 milioni di chilometri, ossia 44 volte la distanza tra la Terra e la luna.

Anche se il pianeta non è in pericolo, gli scienziati apprezzeranno i rari passaggi ravvicinati del 2021 e del 2029 per analizzare la forma dell’asteroide (e forse anche le caratteristiche superficiali nel 2029) per comprendere sempre di più sugli asteroidi. Gli scienziati amano utilizzare questi passaggi ravvicinati per analizzare le rocce spaziali al radar per acquisire nuove conoscenze sulla loro forma e rotazione. Purtroppo, il sistema radar più potente sulla Terra è permanentemente fuori uso, da quando il radiotelescopio di Arecibo a Porto Rico è crollato lo scorso dicembre. Il sostituto provvisorio è il Goldstone Deep Space Communications Complex della NASA in California, che dovrebbe continuare le osservazioni dell’asteroide fino al 14 marzo.

Al momento, Apophis non rappresenta una minaccia imminente per la Terra.

Asteroide Apophis ‘sbanda’ per colpa dei raggi solari: da ricalcolare il rischio di collisione nel 2068