Coronavirus, l’indice Rt scende a 1,08: situazione migliora, ecco i nuovi colori delle Regioni

Coronavirus, la situazione migliora in tutt'Italia: scende l'indice Rt, in calo anche l'incidenza dei nuovi casi. Lazio e Campania verso la "zona arancione", solo la Valle d'Aosta passa in rosso. Gli ultimi aggiornamenti

MeteoWeb

Scende il valore dell’Rt nazionale che passa da 1,16 della scorsa settimana a 1.08. Lo indica il monitoraggio settimanale dell’ Iss-Ministero della Salute. Scende anche il numero dei casi di Covid ogni 100 mila abitanti: il dato sull’incidenza che dovrebbe essere confermato nel monitoraggio Iss-MInistero della Salute che sarà presentato oggi, passa da 264 della scorsa settimana a 240 di oggi.

I dati delle Regioni saranno determinanti per i nuovi colori: il Lazio tornerà in zona arancione avendo un Rt a 0.99, anche la Campania dovrebbe tornare in arancione vista l’incidenza dei nuovi casi settimanali per ogni 100 mila abitanti scesa sotto la soglia dei 250.  La Valle d’Aosta al contrario da lunedì entrerà nella fascia con maggiori restrizioni insieme al Friuli Venezia Giulia, l’Emilia Romagna, il Piemonte, la Provincia di Trento, le Marche, la Lombardia, la Puglia e il Veneto che già sono rosse e rimarranno tali. Sono infatti tutte aree che hanno un’incidenza superiore ai 250 casi per 100mila abitanti, che appunto le colloca ancora nello scenario con più restrizioni. Il dato dell’incidenza dei nuovi casi della Provincia di Bolzano è falsato dal conteggio di oltre 10 mila nuovi casi positivi precedentemente non conteggiati, ma non riferiti a questa settimana. I valori più alti, invece, sono quelli del Friuli Venezia Giulia (410), del Piemonte (355), dell’Emilia Romagna (349), della Lombardia e della Puglia (293), della Valle d’Aosta (292), delle Marche (284), della Provincia di Trento (279) e del Veneto (254).

Rimarranno invece in zona arancione tutte le altre Regioni in cui la situazione epidemiologica è più contenuta: si tratta di Toscana, Liguria, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Umbria, Sicilia, Molise e Sardegna. Complessivamente avremo l’Italia esattamente divisa a metà: 29 milioni di persone in zona arancione, e 31 milioni in zona rossa.

GLI AGGIORNAMENTI UFFICIALI: 

Coronavirus, i nuovi colori ufficiali delle Regioni: Toscana, Calabria e Valle d’Aosta passano in zona rossa

Oggi è inoltre in programma anche la cabina di regia convocata dal premier Mario Draghi con le forze di maggioranza sulle nuove misure anti-Covid. I nodi da sciogliere restano quelli legati alle scuole, il ritorno alle fasce di colore tradizionali (compreso il giallo) e lo spostamento tra regioni. Si attende infatti di conoscere il nuovo decreto che andrà a sostituire quelli in scadenza il 6 aprile. Al momento l’unica riapertura che sembra quasi certa riguarderebbe le scuole, almeno fino alla prima media, priorità dichiarata dal premier Draghi, anche in zona rossa. Ma sembra scontato anche il ritorno alle zone gialle per le Regioni che ne avranno i requisiti: al momento sarebbero in modo particolare Umbria, Abruzzo e quasi tutte le Regioni del Sud (Basilicata, Molise, Calabria, Sicilia e Sardegna).