Previsioni Meteo, l’inverno torna a ruggire: prolungato colpo di coda invernale la prossima settimana

Previsioni meteo: unanimità dei modelli nel vedere un'alta pressione di blocco sul Centro Ovest Europa e azione di aria fredda scandinava verso il Mediterraneo centrale e l'Italia. Possibili almeno 4/5 giorni di inverno

MeteoWeb

Che questo marzo dovesse presentare ancora un conto invernale, dopo una prolungata fase primaverile nella seconda parte di febbraio e anche primi giorni di marzo, lo avevamo messo nel conto da diversi giorni. Nelle nostre previsioni meteo sul lungo periodo, abbiamo ipotizzato in diverse occasioni una tendenza a pattern circolatorio di stampo meridiano più freddo verso metà marzo, sulla base di diversi indici sul lungo periodo da noi esaminati e questo già da fine febbraio. A dire il vero, le prime indicazioni ipotizzavano già una fase instabile relativamente fredda anche per qualche giorno prima di metà mese, e, tutto sommato, è quella che abbiamo vissuto nelle ultime 48/72 ore, con accentuato maltempo su molte regioni centro-meridionali e anche abbastanza freddo, tant’è che vi sono state nevicate fino a quota di medio-alta collina sui settori centrali appenninici. Del resto, freddo anche in queste ore e nella notte prossima, con rischio di gelate notturne diffuse entro la mattinata di domani, 11 febbraio.

Tuttavia, in base ai dati via via aggiornati, la fase più vocata a possibili condizioni invernali è stata spostata per dopo metà mese. Con i dati ultimissimi, questa previsione meteo è confermata con apertura, da lunedì 15 e probabilmente per tutta la prossima settimana, di una circolazione a scala europea caratterizzata da prevalenza di correnti moderatamente fredde settentrionali in direzione un po’ di tutto il continente, eccetto poche aree, e diffusamente anche del nostro Bacino. La barica prevalente media attesa per la prossima settimana, dovrebbe essere grosso modo quella indicata nella mappa in evidenza, con correnti fredde che punterebbero direttamente il Mediterraneo centrale e l’Italia dove, tra l’altro, opererebbe la curvatura ciclonica e, quindi, anche con instabilità diffusa, spesso di tipo invernale. Ciò significherebbe piogge e rovesci frequenti su molte regioni centro-meridionali, nel corso della settimana, magari alternati a momenti più asciutti inter-frontali, ma certamente ricorrenti, e rischio anche di nevicate che potrebbero raggiungere quote collinari, ma non sarebbero escluse anche a quote basse, soprattutto sulle regioni centrali. Stando a queste dinamiche, la fase più fredda potrebbe essere dal 17 al 19/20 marzo; sempre sulla base delle previsioni meteo attuali, le aree del Nord potrebbero vedere anch’esse temperature senz’altro fredde, tuttavia più scarsi fenomeni o magari più fugaci, risultando essere più protette dall’arco alpino rispetto alla traiettoria settentrionale delle correnti.  Sotto l’aspetto termico, ci sarebbe un calo generale su tutta l’Italia, ma sostanzialmente su tutta l’Europa, con andamento delle temperature sotto media un po’ ovunque, fino a 4/5° sull’Italia. La redazione di MeteoWeb continuerà a monitorare la possibile azione invernale e moderatamente fredda baltica attesa per la prossima settimana, apportando quotidiani aggiornamenti.

Per monitorare il maltempo in atto, ecco le migliori pagine della diretta meteo:

Previsioni Meteo, la rivincita dell’inverno: 3 irruzioni polari e un ciclone di neve sull’Italia tra 14 e 21 marzo