Stanchezza, sonnolenza e nervosismo? Come battere il “jet-lag” del cambio dell’ora con gli integratori

Quali sono gli integratori alimentari che aiutano a combattere in modo efficace lo stress da cambio dell’ora, dalla melatonina al ginseng

MeteoWeb

Ora legale si, ora legale no, questo è il dilemma. L’Unione Europea, infatti, ha abolito l’obbligo per i vari Paesi membri di passare da un’ora all’altra, lasciando ogni stato libero di scegliere, per i prossimi due anni, se rimanere con l’ora solare o adottare quello dell’ora legale come fuso orario definitivo. E l’Italia? Il governo italiano ha depositato a Bruxelles una richiesta formale per mantenere la situazione attuale e di conseguenza nella notte tra sabato 27 e domenica 28 marzo, gli italiani hanno dovuto spostare le lancette avanti di un’ora.
Aldilà delle decisioni a livello politico, portare avanti le lancette (così come portarle indietro a ottobre) crea nell’organismo un cambiamento, un piccolo “jet-lag”, che altera il ritmo circadiano e rende difficile dormire bene e sentirsi riposati anche nei giorni seguenti, provocando sensazioni di stanchezza, sonnolenza e nervosismo.

Come difendersi?

La startup Vitamina, la prima piattaforma italiana di integratori alimentari personalizzati e consegnati a domicilio, insieme con i suoi esperti, ha individuato gli integratori alimentari per combattere in modo efficace lo stress da cambio dell’ora.

In particolare quelli per quando è il momento di dormire…

  • MagnesioMelatonina, favorisce la regolazione e il ripristino del normale ritmo circadiano, aiutando a prendere sonno in maniera fisiologica.
  • Magnesio, migliora sensibilmente i sintomi della depressione lieve ed ha un effetto calmante e distensivo sui muscoli e sui nervi; anche nell’insonnia occasionale può essere utile poiché migliora la qualità del sonno.
  • Passiflora, efficace in tutti quei casi in cui l’insonnia abbia cause emotive riconducibili ad ansia e stress. L’azione sedativa facilita l’addormentamento e migliora la qualità del sonno, rendendolo più profondo e prolungato.

…e quelli che al mattino permettono una ripresa sprint.

  • Rodiola, è conosciuta per le sue proprietà di tonico psico-fisico, antifatica e come adattogeno. È un utile alleato per migliorare il rendimento, per aumentare la concentrazione e la memoria.
  • Ginseng, pianta perenne e spontanea, originaria di Cina, Russia e Corea che ha dimostrato di avere uno spiccato effetto nootropo. Può migliorare la capacità di apprendimento e quella mnemonica nonché aumentare la soglia di attenzione, le capacità logico-deduttive e di calcolo aritmetico.

“Inoltre, è di sicuro importante seguire alcuni semplici accorgimenti nei giorni in cui cambia l’ora – consiglia la dott.ssa Giovanna Geri, farmacista, nutrizionista e co-fondatrice di Vitaminaevitare pasti serali troppo abbondanti o difficili da digerire e seguire una dieta ricca di fibre, minerali, vitamine e antiossidanti, che aiuta a depurarsi e a sentirsi meno stanchi. La sera preferire un libro a televisione, tablet o smartphone, ma soprattutto mantenersi costanti negli orari cercando di dormire almeno sette ore per notte, non meno ma nemmeno troppo di più. Dormire tante ore (o in ore sbagliate), infatti, contrariamente a quel che si pensa, serve solo ad acuire la stanchezza”.