Ciò che accade nell’Artico non resta nell’Artico: caos neve in Europa per lo scioglimento dei ghiacci marini

Sembra un paradosso ma non lo è: il caos della neve in Europa è direttamente collegato con lo scioglimento del ghiaccio artico

MeteoWeb

Stanno alimentando diligentemente migliaia di falò sul terreno vicino ai loro raccolti, ma quella dei viticoltori francesi è una battaglia persa in partenza. Un periodo di caldo sopra la media alla fine di marzo è stato seguito da giorni di gelate estreme, che hanno distrutto le viti con perdite pari al 90% sopra la media. L’immagine simbolo di questa lotta potrebbe diventare l’illustrazione più tristemente bella ed altrettanto emblematica delle complessità e dell’imprevedibilità del riscaldamento climatico globale. Ed è anche un disastro agricolo che va da Bordeaux allo Champagne.

Si tratta del fenomeno della perdita del ghiaccio marino artico a causa del riscaldamento climatico che, in qualche modo paradossalmente, si è manifestato in associazione con inverni freddi e nevosi di media latitudine.

“Il cambiamento climatico non si manifesta sempre nei modi più ovvi. È facile estrapolare modelli per mostrare che gli inverni si stanno facendo più caldi e prevedere un futuro praticamente senza neve in Europa, ma il nostro studio più recente mostra che è troppo semplicistico. Noi dovrebbe stare attento a fare dichiarazioni ampie e radicali sugli impatti del cambiamento climatico”, spiega il professor Alun Hubbard del CAGE Center for Arctic Gas Hydrate, Environment and Climate presso UiT The Arctic University of Norway.

Lo scioglimento del ghiaccio marino artico ha fornito l’88% della neve fresca

Hubbard è il coautore di uno studio su Nature Geoscience che esamina questo paradosso climatico controintuitivo: una riduzione del 50% della copertura di ghiaccio marino artico ha aumentato l’evaporazione in acque libere e invernali, per alimentare nevicate più estreme a sud, in tutta Europa.

Lo studio, condotto dalla dott.ssa Hanna Bailey dell’Università di Oulu, in Finlandia, ha più specificamente scoperto che il declino a lungo termine del ghiaccio marino artico dalla fine degli anni ’70 aveva un collegamento diretto con uno preciso evento meteorologico: “Beast from the Est“- la nevicata di febbraio che ha bloccato gran parte del continente europeo nel 2018, causando perdite per 1 miliardo di sterline al giorno.

I ricercatori hanno scoperto che il vapore atmosferico che viaggiava a sud dall’Artico trasportava un’impronta geochimica unica, rivelando che la sua fonte era la calda superficie in acque libere del Mare di Barents, parte dell’Oceano Artico tra Norvegia, Russia e Svalbard. Hanno scoperto che durante la “Bestia dall’est“, le condizioni di mare aperto nel Mare di Barents fornivano fino all’88% della corrispondente neve fresca che cadeva sull’Europa.

Il riscaldamento climatico sta sollevando il coperchio dall’Oceano Artico

“Quello che stiamo scoprendo è che il ghiaccio marino è effettivamente un coperchio sull’oceano. E con la sua riduzione a lungo termine attraverso l’Artico, stiamo assistendo a quantità crescenti di umidità entrare nell’atmosfera durante l’inverno, il che ha un impatto diretto ulteriore sul nostro tempo atmosferico, soprattutto a sud, provocando nevicate molto abbondanti. Potrebbe sembrare controintuitivo, ma la natura è complessa e ciò che accade nell’Artico non rimane nell’Artico”, dice Bailey.

Analizzando le tendenze a lungo termine dal 1979 in poi, i ricercatori hanno scoperto che per ogni metro quadrato di ghiaccio marino invernale perso dal Mare di Barents, c’era un corrispondente aumento di 70 kg nell’evaporazione, nell’umidità e nella neve che cadeva sull’Europa.

Le loro scoperte indicano che entro i prossimi 60 anni, un mare di Barents privo di ghiaccio previsto diventerà probabilmente una fonte significativa di aumento delle precipitazioni invernali, sia che si tratti di pioggia o di neve, per l’Europa. “Questo studio dimostra che i bruschi cambiamenti a cui si sta assistendo in tutto l’Artico ora stanno davvero interessando l’intero pianeta“, dice il professor Hubbard.