Insegnante morta dopo vaccino AstraZeneca a Genova: da una prima analisi, nessuna correlazione diretta tra il siero e il decesso

"Non vi sono correlazioni dirette tra la morte della donna di 32 anni deceduta dopo una dose di AstraZeneca del 22 marzo", ha dichiarato Giovanni Toti

MeteoWeb

Dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca contro SARS-CoV-2 il 22 marzo, un’insegnante di 32 anni è morta oggi all’Ospedale San Martino di Genova dopo una emorragia cerebrale.

Non vi sono correlazioni dirette tra la morte della donna di 32 anni deceduta dopo una dose di AstraZeneca del 22 marzo. Questo ci hanno detto i medici dopo un primo esame e comunque questa tragedia è appena successa e quindi ci saranno le analisi del caso. Ogni settimana Aifa vigila comunque sui vaccini e sulle reazioni avverse e se queste si verificano con un’incidenza superiore alla media”, ha affermato il governatore della Regione Liguria Giovanni Toti in conferenza stampa.

Ieri lo stesso istituto aveva segnalato il caso “di quadro trombotico ed emorragico cerebrale riferito a una insegnante di 32 anni vaccinata presso la Asl di residenza in Liguria con vaccino Astrazeneca il 22 marzo e con esordio sintomatologico dal 2 aprile”. La direzione del Policlinico aveva ha attivato le previste segnalazioni nell’ambito delle procedure di farmacovigilanza verso Aifa.