Maltempo Lazio, seconda violenta grandinata a Roma in due giorni: strade imbiancate come fosse neve [FOTO e VIDEO]

Maltempo Lazio: strade e giardini sono apparsi letteralmente ricoperti di bianco a seguito di una violenta grandinata a Roma, la seconda in due giorni

/

Un’altra intensa grandinata ha colpito Roma, dopo quella registrata nella giornata di ieri. Un violento nubifragio si e’ subito trasformato in una forte grandinata fuori stagione, imbiancando le strade e i tetti di Roma nel primo pomeriggio di oggi. In diversi quartieri della capitale, strade e giardini sono apparsi letteralmente ricoperti di bianco, tanto da far sembrare che avesse nevicato (vedi foto della gallery scorrevole in alto e video seguenti).

Accompagnata da forti tuoni, la grandine ha costretto automobilisti e conducenti di motorini a fermarsi e a ripararsi. I chicchi di grandine hanno coperto tratti di via Salaria, via Nomentana, le strade limitrofe alla stazione Termini, il quartiere Talenti, la zona di Ostiense, l’Universita’ La Sapienza e San Lorenzo. Imbiancata anche la zona di Trigoria. Disagi per la circolazione in alcune strade con i veicoli che procedono a velocita’ ridotta.

In mattinata, forti grandinate hanno imbiancato anche il Salento.

Strade imbiancate a Roma per una violenta grandinata [VIDEO]

Grandi chicchi di grandine imbiancano Roma [VIDEO]

Violenta grandinata a Roma [VIDEO]

Oltre 50 interventi della Polizia locale a Roma

A causa della pioggia e della grandine cadute oggi a Roma, sono oltre 50 gli interventi della polizia locale di Roma Capitale. Il maggior numero delle segnalazioni ha interessato la zona della Citta’ Universitaria, Tiburtino e Castro Pretorio: in via Tiburtina pattuglie della locale sono intervenute per un allagamento, mettendo in sicurezza e agevolando il piu’ possibile la circolazione stradale. Interventi anche in via Medolaghi, zona Casal de Selce, e in via Stamira per la caduta di un albero che non ha causato danni a cose o persone.

Coldiretti: “+274% eventi estremi, bombe di ghiaccio su Roma”

Sono praticamente quadruplicati gli eventi estremi in Italia nel 2021 con bombe d’acqua, violente grandinate e tempeste di vento e neve che sono aumentate del 274% rispetto allo scorso anno. È quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti in occasione della bufera di ghiaccio che ha imbiancato in piena primavera Roma per effetto dell’ultima ondata di maltempo che ha investito a macchia di leopardo l’intera Penisola, sulla base dei dati della banca dati dell’European severe weather database (Eswd) dall’inizio dell’anno ad oggi. Si tratta solo dell’ultima tra le anomalie climatiche che stanno caratterizzando il 2021 con danni incalcolabili alle coltivazioni agricole.

Dopo un inizio di primavera con un caldo praticamente estivo che ha favorito il risveglio della vegetazione, le piante sono state sottoposte ad un terribile shock termico per il brusco calo delle temperature. Il gelo ha colpito duramente nelle campagne dove – rileva la Coldiretti – le produzioni in molti territori sono state praticamente dimezzate, dalle albicocche alle pesche, dalle fragole ai kiwi fino agli ortaggi. Oltre a frutta e verdura a rischio, precisa l’associazione, anche ulivi e vigne per le quali si prevede un brusco ridimensionamento dei raccolti. Ora a dare il colpo di grazia è arrivata la grandine che – spiega la Coldiretti – è l’evento più temuto nelle campagne perché in una manciata di minuti distrugge il lavoro di un intero anno. Siamo di fronte in Italia alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione e il moltiplicarsi di eventi estremi con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo che ha fatto perdere – conclude l’associazione – oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti.

Per monitorare il maltempo in atto, ecco le migliori pagine del nowcasting: