Storico volo su Marte dell’elicottero Ingenuity, il primo su un altro pianeta: “Raggiunto un obiettivo di esplorazione spaziale ritenuto impossibile” [FOTO e VIDEO]

Ingenuity, elicottero-drone sperimentale della NASA, oggi si è librato su Marte, effettuando il primo volo a motore su un altro pianeta

  • L'ombra proiettata da Ingenuity dopo il decollo
    L'ombra proiettata da Ingenuity dopo il decollo
  • Ingenuity si libra in volo, la foto di Perseverance
    Ingenuity si libra in volo, la foto di Perseverance
  • L'ombra proiettata da Ingenuity dopo il decollo
    L'ombra proiettata da Ingenuity dopo il decollo
  • Credit: NASA/JPL-Caltech/ASU
    Credit: NASA/JPL-Caltech/ASU
  • Credit: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona
    Credit: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona
  • Credit: NASA/JPL-Caltech
    Credit: NASA/JPL-Caltech
  • Credits: NASA/JPL-Caltech
    Credits: NASA/JPL-Caltech
/
MeteoWeb

Oggi, il droneelicottero Ingenuity della NASA è diventato il primo velivolo della storia a effettuare un volo controllato su un altro pianeta. Il team Ingenuity del Jet Propulsion Laboratory dell’Agenzia ha confermato che il volo è riuscito dopo aver ricevuto i dati dall’elicottero tramite il rover Perseverance.

Ingenuity è l’ultimo di una lunga e leggendaria tradizione di progetti della NASA che raggiungono un obiettivo di esplorazione spaziale una volta ritenuto impossibile“, ha detto l’amministratore della NASA Steve Jurczyk. “L’X-15 è stato un esploratore per lo space shuttle. Mars Pathfinder e il suo rover Sojourner hanno fatto lo stesso per tre generazioni di rover su Marte. Non sappiamo esattamente dove ci porterà Ingenuity, ma i risultati di oggi indicano che il cielo, almeno su Marte, potrebbe non essere il limite“.

L’elicottero a energia solare è entrato in volo per la prima volta alle 09:34 ora italiana – un momento in cui il team di Ingenuity ha stabilito che avrebbe goduto di condizioni energetiche e di volo ottimali. I dati dell’altimetro indicano che Ingenuity è salito alla sua altitudine massima prescritta di 3 metri e ha mantenuto un volo stazionario stabile per 30 secondi. Quindi è disceso, toccando nuovamente la superficie di Marte dopo aver registrato un totale di 39,1 secondi di volo. Ulteriori dettagli sul test sono attesi nei prossimi downlink.

La dimostrazione di volo iniziale di Ingenuity era autonoma, pilotata da sistemi di guida, navigazione e controllo a bordo che eseguivano algoritmi sviluppati dal team JPL. Poiché i dati devono essere inviati dal Pianeta Rosso per centinaia di milioni di miglia utilizzando i satelliti in orbita e il Deep Space Network della NASA, Ingenuity non può essere pilotato con un joystick e il suo volo non è stato osservabile dalla Terra in tempo reale.

Durante la conferenza stampa post-flight Håvard Grip, chief pilot di Ingenuity, ha affermato: “E’ stato emozionante vedere volare Ingenuity: il decollo è stato delicato, i venti hanno spostato leggermente il drone, ma l’atterraggio è poi avvenuto dove previsto“.

Thomas Zurbuchen, Associate Administrator for Science della NASA, ha annunciato il nome dell’aeroporto marziano su cui è avvenuto il volo: “Ora, 117 anni dopo che i fratelli Wright sono riusciti a effettuare il primo volo sul nostro pianeta, l’elicottero Ingenuity della NASA è riuscito a compiere questa straordinaria impresa su un altro mondo“, ha affermato Zurbuchen. “Sebbene questi due momenti iconici nella storia dell’aviazione possano essere separati dal tempo e da 173 milioni di miglia di Spazio, ora saranno collegati per sempre. In omaggio ai due innovativi produttori di biciclette di Dayton, questo, il primo di molti aeroporti su altri mondi, sarà ora conosciuto come Wright Brothers Field, in riconoscimento dell’ingegno e dell’innovazione che continuano a spingere l’esplorazione“.

In quanto progetto di dimostrazione tecnologica della NASA, l’elicottero Ingenuity non contiene strumenti scientifici all’interno della sua fusoliera delle dimensioni di una scatola di fazzoletti. Invece, ha lo scopo di dimostrare se la futura esplorazione del Pianeta Rosso potrebbe includere una prospettiva aerea.

Questo primo volo era pieno di incognite: il Pianeta Rosso ha una gravità significativamente inferiore – un terzo di quella terrestre – e un’atmosfera estremamente sottile con solo l’1% della pressione sulla superficie rispetto al nostro pianeta. Ciò significa che ci sono relativamente poche molecole d’aria con cui le due pale del rotore di Ingenuity larghe 1,2 metri possono interagire per volare. L’elicottero contiene componenti unici, oltre a parti commerciali standard – molte provenienti dall’industria degli smartphone – che sono state testate nello Spazio profondo per la prima volta con questa missione.

ingenuityParcheggiato a circa 64 metri di distanza al Van Zyl Overlook durante lo storico primo volo di Ingenuity, il rover Perseverance non solo ha agito come un “ripetitore” di comunicazione tra l’elicottero e la Terra, ma ha anche documentato le operazioni di volo con le sue telecamere. Le immagini delle immagini Mastcam-Z e Navcam del rover forniranno dati aggiuntivi sul volo dell’elicottero.

Perseverance è “ammartato” con Ingenuity nella sua “pancia” il 18 febbraio. Rilasciato sulla superficie del Cratere Jezero il 3 aprile, Ingenuity è attualmente al 16° sol, o giorno marziano, del suo test di volo di 30 sol (31 giorni terrestri). finestra. Nel corso dei prossimi tre sol, il team riceverà e analizzerà tutti i dati e le immagini del test e formulerà un piano per il secondo volo di prova sperimentale, previsto non prima del 22 aprile. Se l’elicottero sopravvivrà al secondo test di volo, il team Ingenuity valuterà il modo migliore per affinare il piano di volo.

Lo storico primo volo su Marte dell’elicottero Ingenuity, le immagini catturate da Perseverance [VIDEO]

Marte, Mars Helicopter decolla ed entra nella storia: successo per il primo volo del drone-elicottero Ingenuity