Vaccino AstraZeneca: casi di trombosi anomala anche tra gli ‘over 60’ in Francia

Gli ultimi 9 casi di trombosi registrati tra i vaccinati con AstraZeneca in Francia riguardano soggetti che presentano "un profilo differente" rispetto a quello di persone individuate in precedenza

MeteoWeb

Dall’inizio delle vaccinazioni contro SARS-CoV-2, in Francia sono stati segnalati “23 casi” di trombosi o di problemi di coagulazione e “8 decessi” su 2.725.000 dosi somministrate all’8 aprile. Ci sono soggetti “più anziani“, con età media di 62 anni, tra i nove casi di trombosi anomala e due di problemi di coagulazione associati al vaccino AstraZeneca nel Paese, con 4 decessi, tra il 2 e l’8 aprile, secondo i dati diffusi dall’agenzia francese del farmaco (Ansm).

Gli ultimi 9 casi riguardano soggetti che presentano “un profilo differente” rispetto a quello di persone individuate in precedenza. L’età dei pazienti “è più alta: si tratta di 4 donne e 5 uomini più anziani (età media 62 anni)” che hanno presentato sintomi riconducibili a trombosi addominale. “I nuovi elementi saranno condivisi con l’Ema“, l’agenzia europea del farmaco, “nell’ambito della valutazione europea”. In Francia, “il bilancio precedente faceva riferimento a 12 casi di trombosi” successivi alla vaccinazione “e a 4 decessi”.

Dal 19 marzo, il vaccino AstraZeneca non viene più somministrato a soggetti di età inferiore a 55 anni. Per gli under 55 che hanno ricevuto la prima dose di AstraZeneca, è raccomandata una seconda dose di Pfizer o Moderna.