Piemonte, grave incidente alla funivia Stresa-Mottarone: sale il bilancio delle vittime, morto uno dei bambini ricoverati [FOTO e VIDEO]

La funivia che collega Stresa con il Mottarone è precipitata: ci sono vittime, soccorsi sul posto

  • Foto Tino Romano / Ansa
    Foto Tino Romano / Ansa
  • Foto Tino Romano / Ansa
    Foto Tino Romano / Ansa
  • Foto Tino Romano / Ansa
    Foto Tino Romano / Ansa
  • Foto Tino Romano / Ansa
    Foto Tino Romano / Ansa
/

Grave incidente in Piemonte, alla funivia Stresa-Mottarone: sul posto squadre del Soccorso Alpino, dei vigili del fuoco e del 118. La funivia che collega Stresa con il Mottarone è precipitata e sono morte 14 persone.
Anche dei bambini sono stati coinvolti: due sono stati portati in codice rosso, con le eliambulanze, a Torino.
Il primo bambino è arrivato all’ospedale Regina Margherita: ha riportato trauma cranico, toracico-addominale e fratture agli arti inferiori. Il bimbo sarebbe cosciente. Il secondo bimbo, di 9 anni, è morto in ospedale per le gravissime lesioni riportate nell’incidente. Era stato intubato in Rianimazione. Era giunto in ospedale nel primo pomeriggio in condizioni molto gravi ed aveva avuto un arresto cardiaco. Restano molto critiche anche le condizioni dell’altro piccolo, di circa 5 anni, sottoposto ad un intervento chirurgico per la stabilizzazione delle fratture agli arti.
Nove corpi sono stati ritrovati all’interno del relitto della cabina mentre quattro cadaveri sarebbero stati trovati all’esterno.
Il sindaco di Stresa Marcella Severino, che si trova sul posto, aveva confermato che vi è un bambino tra i deceduti nella tragedia sul Mottarone, oltre al piccolo morto in ospedale.

incidente mottaroneL’incidente sarebbe stato causato dal cedimento di una fune, nella parte più alta del tragitto che, partendo dal lago Maggiore arriva a quota 1.491 metri. Le corse durano circa 20 minuti.
Il cedimento della fune si è verificato a circa 100 metri dalla vetta della montagna dove si trova la stazione di arrivo. La cabina è crollata in un tratto boscoso e impervio.

La cabina della funivia è caduta da un punto relativamente alto e si è adagiata sul terreno ai piedi di un grande bosco. Ora appare sostanzialmente distrutta a terra – la cabina è di colore bianco e rosso – quasi completamente accartocciata, quindi la caduta è stata evidentemente significativa“: lo ha dichiarato Walter Milan del Soccorso Alpino parlando in diretta con Rainews 24.

Due escursionisti che si trovavano in zona hanno sentito un sibilo molto intenso e poi hanno visto la cabina tornare indietro velocissima. A quanto si e’ capito una delle funi si e’ strappata in un punto molto vicino alla vetta. La cabina ha quindi cominciato a ritornare indietro, e poi si e’ schiantata contro uno dei piloni, staccandosi. Infine e’ caduta al suolo, rotolando lungo il pendio, per fermarsi contro alcuni abeti”, dice il sindaco di Stresa, Marcella Severino.

La procura di Verbania ha disposto il sequestro della funivia del Mottarone: lo ha confermato il tenente colonnello Giorgio Santacroce, comandante del Nucleo operativo dei carabinieri di Verbania. “C’e’ un cavo tranciato, gli altri sono intatti, ma le questioni tecniche competono ad altri”, afferma Santacroce. “Al momento non risultano problemi di manutenzione – aggiunge – ma faremo tutti gli accertamenti possibili“. Secondo la prima ricostruzione, “il cavo portante si e’ staccato all’altezza dell’ultimo pilastro – spiega – e, nonostante dovrebbero esserci dispositivi di sicurezza, la cabinovia si e’ staccata“. Un volo di una quindicina di metri, in seguito al quale “la cabinovia e’ rotolata a valle, finendo la corsa contro gli alberi”. Gli altri cavi, invece, non risultano danneggiati. “Per motivi sanitari”, legati alle misure anti-Covid, “viaggiava un numero inferiore di persone”, altrimenti il bilancio delle vittime avrebbe potuto essere ancora piu’ grave, conclude Santacroce.

Per ora procediamo per omicidio colposo plurimo e lesioni colpose, dobbiamo verificare anche la fattispecie dei reati di attentato alla sicurezza dei trasporti, anche in base alla natura pubblica o meno dell’impianto. L’intera area e’ stata posta sotto sequestro, cominceremo dai rilievi tecnici per accertare le cause dell’incidente“, afferma il procuratore di Verbania, Olimpia Bossi, al termine del lungo sopralluogo al Mottarone.

Tragedia in Piemonte: precipitata una cabina della funivia Stresa-Mottarone [VIDEO]

Piemonte, grave incidente alla funivia Stresa-Mottarone: si ribalta mezzo di soccorso dei vigili del fuoco

Piemonte, tragedia funivia Stresa-Mottarone: nel 2001 un recupero da brividi di 40 turisti

Funivia precipitata sul Mottarone, morte 14 persone, tra cui due bambini: i nomi delle vittime

La funivia del Mottarone completamente revisionata nel 2014

mottarone incidente funiviaLa Funivia del Mottarone è stata chiusa nel 2014 per garantirne una revisione generale, il 13 agosto 2016 è stata riaperta. La manutenzione straordinaria ha previsto una serie di interventi tra cui la sostituzione dei motori, dei quadri elettrici, dell’apparato elettronico, dei trasformatori.
E’ stata eseguita anche una magnetoscopia sulle funi, le cabine sono state smontate, ricondizionate e rimontate con impianto acustico e videocamera di sorveglianza a bordo. I lavori di revisione tecnica dell’impianto sono costati 4 milioni e 400 mila euro, finanziati dalla Regione Piemonte, dal Comune di Stresa, e dalla società di gestione.
E’ stata inaugurata nel 1970, dopo una progettazione durata quasi un decennio: l’impianto è stato pensato per sostituire la vecchia ferrovia a cremagliera che, realizzata nel 1911, da Stresa saliva sulla vetta.