Dopo Branson è il turno di Bezos: il volo di New Shepard sarà molto diverso da quello di SpaceShipTwo di Virgin Galactic

A differenza di SpaceShipTwo, New Shepard è un razzo più tradizionale, ma il suo obiettivo è più ambizioso

MeteoWeb

Il 20 luglio un altro miliardario porterà un altro razzo ai confini dello Spazio. Jeff Bezos, il fondatore di Amazon, ha fondato la sua compagnia Blue Origin, con la visione di milioni di persone che vivranno e lavoreranno nello Spazio in futuro.
Il primo veicolo dell’azienda, New Shepard, ha però ambizioni molto più modeste: come SpaceShipTwo di Virgin Galactic, è progettato per consentire brevi viaggi suborbitali fornendo circa 4 minuti di assenza di gravità.

A differenza di SpaceShipTwo, New Shepard è un razzo più tradizionale: dopo il lancio, la capsula si stacca dal booster, che poi rientra ed effettua un atterraggio verticale (un po’ come fanno i razzi Falcon 9, più grandi, gestiti da SpaceX di Elon Musk) mentre la capsula ritorna a terra con un paracadute.
La missione Unity 22 Virgin Galactic, invece, è decollata da Spaceport America con l’aereo spaziale VSS Unity, che è salito a un’altitudine di 50mila piedi (15mila metri) con l’aiuto della sua “nave madre” VMS Eve, un aereo da trasporto WhiteKnightTwo. Dopo aver raggiunto questa altitudine, VMS Eve ha rilasciato l’aereo spaziale, che da lì ha raggiunto un’altezza di 86 km sopra la superficie terrestre prima di tornare sulla Terra e atterrare non troppo lontano dall’area di decollo a Spaceport America.

New Shepard andrà oltre: supererà la linea di Kármán, una linea immaginaria posta ad un’altezza di 100 km sopra il livello del mare che segna convenzionalmente il confine tra l’atmosfera terrestre e lo Spazio esterno.
Blue Origin ha evidenziato questo fatto, e molte altre caratteristiche di New Shepard, in un tweet che ha confrontato la navicella spaziale con SpaceShipTwo di Virgin Galactic.
Bezos ha poi augurato a Branson e alla Virgin Galactic “un volo sicuro e di successo“, in un post sul suo account Instagram, aggiungendo: “Buona fortuna!