Vasto incendio a Pescara, scene drammatiche: le fiamme raggiungono le case, centinaia di evacuati e feriti – LIVE

Grosso incendio a Pescara: le fiamme, alimentate dal forte vento, si stanno propagando rapidamente e hanno raggiunto le abitazioni

  • FACEBOOK RETE 8 / Foto Ansa
    FACEBOOK RETE 8 / Foto Ansa
  • FACEBOOK RETE 8 / Foto Ansa
    FACEBOOK RETE 8 / Foto Ansa
  • FACEBOOK RETE 8 / Foto Ansa
    FACEBOOK RETE 8 / Foto Ansa
/
MeteoWeb

Un incendio di vaste proporzioni si e’ sviluppato nel primo pomeriggio a Pescara, nella zona sud della citta’, tra fosso Vallelunga, via Scarfoglio e via Terra Vergine (vedi foto della gallery scorrevole in alto e video in fondo all’articolo). Le fiamme, alimentate dal forte vento, si stanno propagando rapidamente e hanno raggiunto le abitazioni. I cittadini sono scesi in strada e, come possono, con secchi e tubi da giardino, cercano di salvare le proprie case, mentre tutta l’aria e’ invasa dal fumo e dal calore.

La Riserva Dannunziana di Pescara sta bruciando e nella zona sud della citta’ ci sono decine e decine di uomini di tutte le forze dell’ordine. Fuggi fuggi dalle spiagge: le scintille spinte dal vento hanno fatto incendiare le palme degli stabilimenti balneari. “Abbiamo dovuto evacuare diverse abitazioni e anche stabilimenti balneari a causa del fumo e dei lapilli. Stiamo lavorando con tutti gli uomini disponibili. Il principale avversario e’ il vento caldo. Con l’elicottero dei vigili del fuoco si sta cercando di limitare i danni“, ha dichiarato all’ANSA il sindaco di Pescara Carlo Masci che sta coordinando le operazioni di spegnimento del vasto rogo.

Si registrano i primi feriti: 5, al momento, le persone trasportate in ospedale. Tra queste una bambina e due suore che risiedono in una struttura che si trova nell’area interessata dal rogo. Avrebbero tutte riportato un’intossicazione dopo aver inalato fumo, ma le loro condizioni non sarebbero gravi. Oltre a diverse abitazioni e’ stata evacuata la casa di riposo di via Paolo De Cecco. Sono circa 800 le persone evacuate. Dalle notizie arrivate in questi minuti risulta che sono almeno una quindicina le ambulanze in servizio. I vigili del fuoco, in azione con gli elicotteri, fanno fatica a gestire tutti i fronti dell’incendio. L’area e’ stata raggiunta da un Canadair, che sta effettuando i primi lanci.

Vigili del fuoco della Toscana sono partiti per l’Abruzzo con destinazione Pescara e Chieti, dove stanno avvenendo incendi di proporzioni straordinarie. Nove unita’ del comando Firenze sono partite con modulo Aib verso Pescara, mentre cinque unita’ del comando di Siena e quattro del comando di Arezzo, sono partite con modulo Aib per Chieti.

Chiederemo lo stato di calamita’ per quello che e’ accaduto oggi a Pescara. Abbiamo persone fuori casa, tante abitazioni evacuate e abbiamo aperto il Coc e messo a disposizione il PalaBecci del porto turistico e il PalaGiovanni Paolo II”, ha detto il sindaco Masci.

L’incendio, alimentato dal vento, si e’ spostato verso la collina di San Silvestro e Colle Breccia. Le fiamme minacciano decine di case e si sta procedendo all’evacuazione dei residenti. Situazione molto difficile anche nella zona di via della Bonifica. La situazione, dicono alla Protezione civile, e’ “tutt’altro che sotto controllo“. Intanto il Comune ha attivato il Centro operativo comunale (Coc). La sede e’ al museo Vittoria Colonna.

AGGIORNAMENTO

Il sindaco di Pescara “ora situazione sotto controllo”

Sembra che ora gli incendi siano sotto controllo“, afferma il sindaco di Pescara, Carlo Masci, mentre proseguono le operazioni di spegnimento da parte di Vigili del Fuoco, canadair ed elicotteri. “C’e’ stato uno sforzo enorme: vigili del fuoco, soccorritori e forze dell’ordine, tutti in azione. Le fiamme si sono propagate rapidamente in piu’ punti, alimentate dal vento, che le ha spinte fino al mare”, dice il sindaco, sottolineando che in tutta la zona sud della citta’ ci sono stati una quindicina di focolai. Oltre 30 le persone intossicate, ma nessuno è in gravi condizioni. “Ora stiamo contando i danni, ci vorra’ tempo. Sembra che alcune case isolate siano state raggiunte dalle fiamme. Questa zona della Pineta e’ riserva integrale ed e’ completamente distrutta. Viene da piangere a guardarla. I danni ambientali sono incalcolabili. Qui ci sono le radici di Pescara. Questo e’ il cuore della citta’, il suo polmone verde e oggi lo vediamo distrutto”, dice il sindaco sulla Riserva naturale Pineta Dannunziana. “Essendo riserva integrale, e’ un’area non sottoposta a manutenzione e il sottobosco ha bruciato rapidamente – spiega – Le fiamme hanno interessato anche il comparto 4 della Riserva, dove e’ andata distrutta anche una casetta in legno di proprieta’ del Comune”.

Le fiamme altissime dell’incendio a Pescara [VIDEO]

Incendio a Pescara, le fiamme divorano la Riserva Dannunziana [VIDEO]

Incendio a Pescara, gravemente danneggiata la Riserva Dannunziana [VIDEO]

Incendi anche nel Teramano: evacuate 60 persone ad Altavilla

Proseguono senza sosta le operazioni dei vigili del fuoco per spegnere i diversi incendi sul territorio teramano. A preoccupare maggiormente, al momento, e’ la situazione che si registra ad Altavilla, nel Comune di Montorio, dove una squadra del comando dei vigili del fuoco dell’Aquila sta intervenendo per un incendio di bosco e sterpaglie e dove si e’ reso necessario evacuare la popolazione, costituita da circa 60 persone.

Mentre le squadre del comando di Teramo sono impegnate in numerosi interventi a Sant’Omero, nelle frazioni di Sardinara e Villa Ripa di Teramo e sulla Bonifica del Salinello nel comune di Sant’Omero. Sempre i vigili del fuoco sono riusciti a evitare il peggio a Fontanelle di Atri, dove le fiamme hanno interessato una zona compresa tra il campo sportivo e la frazione atriana e dove l’azione di spegnimento dell’incendio e’ risultata particolarmente difficile in quanto le fiamme si sono pericolosamente avvicinato al centro abitato. Solo l’opera del personale operativo, con la collaborazione offerta da alcuni agricoltori che hanno creato dei solchi sul terreno per arginare l’incendio, ha fatto si’ che le abitazioni non fossero raggiunte dalle fiamme.

Impegnativo anche l’incendio di sterpaglie che i vigili del fuoco hanno dovuto affrontare a Mosciano Sant’Angelo, dove le fiamme hanno minacciato alcuni fabbricati e la linea ferroviaria Teramo-Giulianova. Inoltre fin da questa mattina sono proseguite le operazioni di spegnimento dell’incendio di sterpaglie a Piancarani di Campli, dove sono state impegnate una squadra di vigili del fuoco e diverse squadre di volontari Aib. A Valle Castellana, invece, e’ stato inviato un Dos (Direttore delle operazioni di spegnimento) per coordinare l’intervento di un Canadair ed una squadra di volontari Aib per lo spegnimento di un bosco di castagno e faggio.

Un rogo sta creando particolari problemi a Farindola (Pescara): sono state evacuate 31 persone e un ristorante. Incendi sono in corso anche a Penne, Bolognano, Caramanico, Citta’ Sant’Angelo e San Valentino in Abruzzo Citeriore. I Vigili del Fuoco del Comando provinciale hanno richiamato in servizio tutto il personale disponibile e stanno utilizzando ogni mezzo a disposizione, ma fanno fatica a gestire le tante richieste di intervento e i centralini sono in tilt. “Una giornata drammatica“, dice all’ANSA il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Zaffiri, che dal Centro coordinamento soccorsi (Ccs) in Prefettura sta seguendo le operazioni.

In Abruzzo e’ emergenza incendi: ci sono fronti aperti in ogni provincia e la macchina regionale e della protezione civile e’ mobilitata, il presidente Marsilio e’ a Pescara, dove ci sono le preoccupazioni maggiori, e dove sta partecipando ad una riunione in prefettura con i sindaci dei territori coinvolti“. Cosi’ il capo segreteria della presidenza della Giunta abruzzese, Massimo Verrecchia, sulla emergenza incendi scattata nella giornata di oggi. Verrecchia, in prima linea con tanti suoi colleghi e con il presidente Marsilio, fa sapere che la Regione, direttamente e attraverso le prefetture, ha chiesto mezzi e risorse a Roma.

Incendio Pescara: situazione sotto controllo dopo una notte di intenso lavoro