Regno Unito, via con la terza dose del vaccino per gli over 50: scelta libera e facoltativa

Via libera ufficiale alla somministrazione di una terza dose di vaccino anti-Covid per tutti gli over 50 del Regno Unito nei prossimi mesi

MeteoWeb

E’ arrivato il via libera ufficiale dai consulenti medico-scientifici del governo di Boris Johnson alla somministrazione di una terza dose di vaccino antiCovid per tutti gli over 50 del Regno Unito nei prossimi mesi: lo hanno annunciato a Downing Street Jonathan Van-Tam, deputy chief medical officer e la responsabile dell’agenzia del farmaco June Raine.
Van-Tam ha definito “incredibile” il successo dei vaccini, con una stima di 112.000 morti e 24 milioni di contagi evitati nel Regno Unito, avvertendo però che la pandemia non è ancora finita e che potranno esserci fasi “accidentate” in inverno.

In un Paese dove non è stato previsto alcun Green Pass, la misura cardine del piano delineato dal governo britannico di Boris Johnson per cercare di tenere a bada il Covid nei mesi autunnali e invernali senza ricorrere a nuovi lockdown sarebbe proprio la terza dose vaccinale, offerta (non obbligatoria) a tutte le persone dai 50 anni in su, destinata a essere somministrata almeno sei mesi dopo la seconda.
Il piano sarà illustrato in dettaglio nel pomeriggio alla nazione dal premier Tory e al Parlamento dal ministro della Sanità Sajid Javid.

La terza dose sarà Pfizer, e i consulenti scientifici hanno già indicato che andrà offerta prioritariamente da questo mese agli over 70 e a pazienti cronici a rischio, prima di un coinvolgimento generalizzato degli ultracinquantenni.

Ieri i consulenti medico-scientifici hanno dato l’ok al governo sull’estensione della campagna di vaccinazioni britannica – finora riservata agli over 16, con l’81% del totale già coperto da entrambe le dosi e il 90% almeno da una – anche ai bambini e ragazzi sani fra i 12 e i 15 anni.