Vaccini, Figliuolo: “superato 80% di vaccinati, Italia vicinissima all’immunità di gregge. Subito 3 milioni di terze dosi”

"Il dato certo e confermato dagli studi in tutte le parti del mondo è che il vaccino preserva dalle manifestazioni gravi della malattia, e pertanto va fatto"

MeteoWeb

Si partirà con la terza dose a settembre per gli immunocompromessi, una platea di tre milioni di persone, poi a seguire si andrà sugli anziani e sui sanitari e poi vedremo. I vaccini utilizzati saranno Pfizer e Moderna“: lo ha affermato il Commissario per l’emergenza Covid Figliuolo in visita all’hub vaccinale della Asl di Rieti presso lo stabilimento Amazon di Passo Corese.
Oggi è un bel giorno perché abbiamo appena raggiunto e superato l’80% delle prime somministrazioni. E’ un traguardo importante perché ci dice che per fine settembre raggiungeremo l’80% di platea interamente vaccinata ossia 43 milioni e 200mila cittadini italiani dai 12 anni in su che completeranno la scheda vaccinale,” ha spiegato Figliuolo.
Rinnovo ancora una volta l’invito a tutti a vaccinarsi, perché il nostro Paese è vicinissimo all’immunità di gregge; il Lazio ha appena raggiunto l’80% delle persone immunizzate, al livello nazionale questa percentuale verrà raggiunta entro il mese di settembre. Per questo mi rivolgo a chi non ha ancora fatto il vaccino, nella speranza che chi ha ancora dei dubbi si convinca che il vaccino è necessario“.
Il dato certo e confermato dagli studi in tutte le parti del mondo è che il vaccino preserva dalle manifestazioni gravi della malattia, e pertanto va fatto. In merito a questo non posso che compiacermi con i nostri giovani, perché in questi mesi abbiamo constatato una grandissima risposta da parte della fascia d’età 19-29 anni, che ha raggiunto e superato il 70% di prime inoculazioni, un numero rilevante se si considera che parliamo di una classe di persone che iniziato per ultima a vaccinarsi. E questo testimonia un grande senso di responsabilità, sia tra i maggiorenni che tra i minorenni, il cui senso di responsabilità e manifestato dai genitori“. “Questo significa anche che il messaggio dell’importanza della vaccinazione è passato“, ha dichiarato Figliuolo.