Youth4Climate, il documento finale: i giovani chiedono di chiudere le industrie delle fonti fossili entro il 2030

Quattro punti nel documento finale della Youth4Climate, la conferenza dei giovani sul clima, in cui viene chiesto principalmente di chiudere l'industria delle fonti fossili entro il 2030

MeteoWeb

Chiudere le industrie basate sulle fonti fossili di energia al 2030. E’ la piu’ importante richiesta contenuta nel documento finale della Youth4Climate, la conferenza dei giovani sul clima. Il documento finale e’ diviso in quattro punti, uno per ogni tavolo di lavoro. Sara’ presentato domani mattina all’apertura (sempre al Mico di Milano) della Pre-Cop26, la conferenza preparatoria alla 26esima conferenza delle Nazioni Uniti sui cambiamenti climatici (Cop26) che si terrà a Glasgow a partire dal 31 ottobre.

Al primo punto, dedicato al ruolo dei giovani nella lotta alla crisi climatica, si chiede ai governi e alle istituzioni internazionali di coinvolgere i giovani in tutte le questioni che riguardano l’argomento e di stanziare fondi per questo.

Il secondo punto riguarda la ripresa dopo la pandemia. I giovani della Youth4Climate chiedono una transizione energetica al 2030 con rinnovabili e risparmio energetico, in grado di garantire posti di lavoro dignitosi, il rafforzamento delle misure di adattamento e resilienza col rispetto delle popolazioni locali, un sistema trasparente di finanza per il clima, un turismo internazionale responsabile che rispetti le comunita’ locali.

Al terzo punto, sul coinvolgimento dei soggetti non statali, ragazze e ragazzi chiedono di sostenere la partecipazione di giovani imprenditori, artisti, agricoltori e atleti nell’adozione di misure contro la crisi climatica. Chiedono inoltre che il settore privato si ponga obiettivi di zero emissioni, che l’industria delle fonti fossili sia chiusa al 2030 e che governi e privati smettano di finanziarla.

Il quarto punto riguarda la costruzione di una societa’ consapevole dei temi climatici. La Youth4Climate chiede ai governi di impegnarsi per sostenere un sistema educativo sul cambiamento climatico e di costituire piattaforme che coinvolgano tutti i soggetti interessati a impegnarsi sul tema.

Clima, l’astrofisico David Archibald: “evidente tendenza al raffreddamento globale, entro 10 anni torneremo alle temperature di 40 anni fa”