Covid, caso di anafilassi dopo il vaccino Moderna: “questi pazienti non dovrebbero ricevere una seconda dose”

Una donna di 45 anni è arrivata in pronto soccorso in anafilassi dopo aver ricevuto il vaccino Moderna contro il COVID-19

MeteoWeb

In un articolo, pubblicato sulla rivista Therapeutic Advances in Vaccines and Immunotherapy, viene riportato il caso di una paziente negli Stati Uniti arrivata in pronto soccorso in anafilassi dopo aver ricevuto il vaccino Moderna contro il COVID-19. L’anafilassi può portare alla morte, se non diagnosticata e trattata tempestivamente.

“Una donna di 45 anni, con una storia medica pregressa di asma, si presenta al pronto soccorso con gonfiore della gola, gonfiore del viso, respiro sibilante e arrossamento della pelle dopo aver ricevuto il vaccino Moderna contro il Covid-19. I sintomi sono iniziati circa 10 minuti dopo la somministrazione del vaccino. Il primo sintomo che ha notato è stato un rossore della pelle, poi una sensazione anomala alla gola, che è progredita fino a respiro sibilante bilaterale. È stata immediatamente portata al pronto soccorso. Alla valutazione iniziale, era in difficoltà respiratoria, saturazione di ossigeno al 92% in aria ambiente, con respiro sibilante diffuso bilateralmente. Ha anche sostenuto che si sentiva come se la sua gola si stesse “chiudendo” ed è stato notato che aveva arrossamento della pelle e gonfiore del viso. Le sono stati immediatamente somministrati 0,3 mg di adrenalina IM nella coscia laterale sinistra. È stata posizionata una maschera non rebreather per la supplementazione di ossigeno. Alla paziente sono stati somministrati 50 mg di difenidramina, 20 mg di famotidina, 125 mg di metilprednisolone e 1 L di soluzione salina normale. È stata anche sottoposta a trattamento respiratorio e le sono stati somministrati 9 ml di combinazione di salbutamolo ipratropio. Lo stato generale della paziente è migliorato dopo circa 5 minuti. Ha poi iniziato a lamentare dolore epigastrico e nausea. Le sono stati somministrati 4 mg di ondansetrone, nel momento in cui la paziente ha iniziato ad accusare forti crampi ai muscoli del collo e delle spalle. Alla paziente è stato somministrato 1 g di metocarbamolo e 0,25 di lorazepam, con risoluzione dei sintomi. Dopo circa 15 minuti, tutti i sintomi si erano risolti e il paziente si sentiva molto meglio”, si legge nell’articolo.

Alla paziente è stato consigliato di non ricevere la seconda dose del vaccino Moderna COVID-19 fino a quando non fosse stata autorizzata da un allergologo/immunologo. Alla paziente è stato detto di seguire il suo medico di base e di sottoporsi a un esame allergico specifico per testare il polietilenglicole (PEG), un componente dei vaccini mRNA noto per causare anafilassi. Il PEG è frequentemente associato a grave anafilassi. Tuttavia, non tutti coloro che sono allergici al PEG avranno anafilassi grave o addirittura fatale. Il vaccino Moderna contiene anche trometamina, che potrebbe essere stata la causa della reazione del paziente, piuttosto che il PEG”, continua l’articolo.

Il monitoraggio del vaccino Moderna COVID-19 ha riscontrato 10 casi di anafilassi dopo la somministrazione di 4.041.396 prime dosi del vaccino Moderna COVID-19. In 9 di questi 10 casi di anafilassi, il destinatario del vaccino ha manifestato l’insorgenza dei sintomi entro 30 minuti dalla somministrazione. Inoltre, 9 dei 10 pazienti con anafilassi hanno anche una storia di reazioni allergiche, alcune anche con un precedente caso di anafilassi. Tutti e 10 i casi di anafilassi riportati si sono verificati nelle donne. Un rapporto prodotto dal Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) ha rilevato che l’80% dei casi di anafilassi segnalati si è verificato nelle donne. Questa alta percentuale potrebbe essere dovuta al fatto che più donne che uomini hanno ricevuto il vaccino Moderna COVID-19 durante il periodo di analisi (61% delle dosi somministrate contro 36%). È stata eseguita un’analisi VAERS simile per il vaccino Pfizer-BioNTech, con due terzi delle prime dosi somministrate alle donne. Le segnalazioni di anafilassi di entrambi i vaccini, Moderna e Pfizer-BioNTech, mostrano caratteristiche simili nei loro casi di anafilassi in termini di sintomi iniziati subito dopo la vaccinazione, forte predominanza femminile e il paziente che ha manifestato anafilassi che ha una storia di reazioni allergiche”, riporta l’articolo.

L’American College of Allergy, Asthma and Immunology (ACAAI) COVID-19 Vaccine Task Force raccomanda le seguenti linee guida in relazione al rischio di una reazione anafilattica dovuta alla vaccinazione. Chiunque riceva il vaccino dovrebbe essere sottoposto a screening per determinare il possibile rischio di una reazione allergica al vaccino mRNA COVID-19. Se un paziente ha mai avuto una grave reazione allergica a un vaccino in passato, dovrebbe fare riferimento a un allergologo o immunologo per quanto riguarda il vaccino COVID-19. Inoltre, se un paziente ha una grave reazione allergica entro 4 ore dalla prima dose di Moderna o Pfizer-BioNTech, non dovrebbe ricevere la seconda dose. Il vaccino COVID-19 deve essere sempre somministrato in un ambiente sanitario e i riceventi devono essere osservati per 15-30 minuti dopo la vaccinazione per monitorare eventuali reazioni. La maggior parte delle reazioni anafilattiche si è verificata entro i primi 15 minuti dopo l’iniezione. I vaccini Moderna o Pfizer-BioNTech non dovrebbero essere somministrati a soggetti che hanno una storia nota di reazione allergica a qualsiasi componente del vaccino. Il componente specifico del vaccino non è stato ancora identificato; tuttavia, il PEG è uno degli ingredienti dei vaccini mRNA che è noto per causare anafilassi. Il PEG è un ingrediente di molti farmaci, ma avere allergie ad esso è raro perché l’ipersensibilità ad esso dipende dal suo peso molecolare”, si legge.

Al momento della stesura di questo documento, il CDC raccomanda che i pazienti che hanno avuto una reazione anafilattica a un vaccino anti-Covid a mRNA non debbano ricevere dosi aggiuntive di alcun vaccino anti-Covid a mRNA”.

È interessante notare che uno studio in Danimarca rileva che un secondo vaccino COVID-19 è effettivamente sicuro dopo un’iniziale reazione anafilattica a un vaccino COVID-19. Il loro studio è stato condotto da gennaio ad aprile 2021 e ha incluso 61 pazienti che soddisfacevano i criteri di Brighton per l’anafilassi. Nessun paziente ha riportato una precedente storia di reazioni allergiche ai vaccini. Sei dei 61 avevano ricevuto il vaccino Moderna. Quattro di loro sono stati rivaccinati senza alcun evento avverso. Gli autori hanno concluso che, dopo un adeguato lavoro diagnostico, è sicuro rivaccinare la stragrande maggioranza dei pazienti con un evento avverso a un vaccino COVID-19, poiché la maggior parte dei pazienti con una reazione avversa immediata non ha avuto vere reazioni allergiche”, si legge nell’articolo.

Gli autori dell’articolo concludono che “le reazioni anafilattiche al vaccino COVID-19 sono un evento raro. La guida provvisoria locale mette in guardia contro la somministrazione di una seconda dose quando si è verificata una tale reazione. Tuttavia, ci sono dati che suggeriscono che queste potrebbero non essere vere reazioni allergiche, e quindi potrebbe essere sicuro ricevere una successiva dose di vaccino. Questo tema rimane della massima importanza, poiché una vaccinazione diffusa aiuterebbe a soffocare l’attuale pandemia di COVID-19”.