Eruzione alle Canarie, “un’altra sorpresa” dal vulcano: mentre La Palma continua a tremare, si sta formando un nuovo delta lavico [FOTO e VIDEO]

La Palma: la lava del vulcano Cumbre Vieja ha nuovamente raggiunto il mare ieri, alle 12 ora locale

  • ApFoto Miguel Calero / AnsapleMark
    ApFoto Miguel Calero / AnsapleMark
  • Foto Miguel Calero / Ansa
    Foto Miguel Calero / Ansa
  • Foto Miguel Calero / Ansa
    Foto Miguel Calero / Ansa
/
MeteoWeb

La Palma trema: nelle scorse ore nell’isola sono stati registrati oltre 40 terremoti. Di questi, 3 hanno superato magnitudo 4. La scossa più forte, 4.8, si è verificata alle 01:03 ora locale a Villa de Mazo, ad una profondità di 39 km. Pochi secondi è stato registrato un altro evento, magnitudo 4.7, nello stesso punto.
Il vento ieri ha determinato un peggioramento della qualità dell’aria nei comuni a est dell’isola di La Palma, principalmente a Santa Cruz de La Palma, Breña Alta e Breña Baja: le autorità hanno chiesto alla popolazione di uscire il meno possibile e, se si trovano all’esterno, di usare le mascherine FFP2.
Le autorità delle Canarie hanno ordinato a parte della popolazione del comune di Tazacorte di rimanere in casa dopo che una colata di lava ha raggiunto il mare. L’ordine è stato rivolto a circa 3mila persone. Si tratta di una misura adottata a scopo precauzionale per la possibilità che il contatto tra la lava e l’acqua marina provochi “emissioni di gas nocivi per la salute“.
L’aeroporto dell’isola è rimasto non operativo ieri per il terzo giorno consecutivo a causa dell’accumulo di cenere.

Un nuovo delta lavico

La lava del vulcano Cumbre Vieja, in eruzione sull’isola di La Palma dal 19 Settembre, ha nuovamente raggiunto il mare ieri, alle 12 ora locale: il nuovo delta lavico che si sta formando si trova nella zona conosciuta come El Perdido, circa 3 km a sud di Puerto de Tazacorte e poco meno di 2 km a nord di quello che ha cominciato a formarsi il 28 Settembre.
Questa lingua di lava che ha raggiunto il mare è stata negli ultimi giorni quella che ha ricevuto il maggior contributo.
L’improvviso contatto con l’oceano è “un’altra nuova sorpresa per questo vulcano“, ha spiegato il direttore tecnico del Piano di Emergenza Vulcanica delle Isole Canarie (Pevolca), Miguel Ángel Morcuende, come riporta El País.

La Palma, la lava continua ad avanzare: l’area di contatto col mare [VIDEO]