Il Covid-19 è un’infezione stagionale: un nuovo studio fornisce prove solide a riguardo

Bassi livelli di umidità e basse temperature: è questa la situazione climatica ideale nella quale il Covid-19 si propaga meglio

MeteoWeb

Un nuovo studio condotto dall’Istituto per la salute globale di Barcellona (ISGlobal) fornisce prove solide che il COVID-19 è un’infezione stagionale legata a basse temperature e umidità, proprio come l’influenza stagionale. I risultati, pubblicati su Nature Computational Science, supportano anche il notevole contributo della trasmissione aerea di SARS-CoV-2 e la necessità di passare a misure che promuovano “l’igiene dell’aria“.

Una domanda chiave riguardo la SARS-CoV-2 è se si comporti, o si comporterà, come un virus stagionale come l’influenza, o se sarà ugualmente trasmesso in qualsiasi periodo dell’anno. Un primo studio di modellizzazione teorica ha suggerito che il clima non è stato un driver nella trasmissione di COVID-19, dato l’elevato numero di individui suscettibili senza immunità al virus. Tuttavia, alcune osservazioni hanno suggerito che la propagazione iniziale del COVID-19 in Cina sia avvenuta con bassi livelli di umidità e basse temperature (tra 5 gradi e 11 gradi C).

La questione se il COVID-19 sia una vera malattia stagionale diventa sempre più centrale, con implicazioni per la determinazione di misure di intervento efficaci“, spiega Xavier Rodó, direttore del programma Clima e salute di ISGlobal e coordinatore dello studio. Per rispondere a questa domanda, Rodó e il suo team hanno prima analizzato l’associazione tra temperatura e umidità nella fase iniziale della diffusione di SARS-CoV-2 in 162 paesi nei cinque continenti, prima che venissero messi in atto cambiamenti nel comportamento umano e nelle politiche di salute pubblica. I risultati mostrano una relazione negativa tra la velocità di trasmissione (R0) e sia la temperatura che l’umidità su scala globale: velocità di trasmissione più elevate sono state associate a temperature e umidità inferiori.

Il team ha quindi analizzato come questa associazione tra clima e malattia si è evoluta nel tempo e se fosse coerente a diverse scale geografiche. A tal fine, hanno utilizzato un metodo statistico sviluppato specificamente per identificare modelli di variazione simili (ovvero uno strumento di riconoscimento dei modelli) in finestre temporali diverse. Ancora una volta, hanno trovato una forte associazione negativa per finestre temporali brevi tra malattia (numero di casi) e clima (temperatura e umidità), con modelli coerenti durante la prima, la seconda e la terza ondata della pandemia a diverse scale spaziali: mondo, paesi, fino alle singole regioni all’interno di paesi altamente colpiti (Lombardia, Turingia e Catalogna) e persino a livello di città (Barcellona).

Le prime ondate epidemiche sono diminuite quando la temperatura e l’umidità sono aumentate, e la seconda ondata è aumentata quando le temperature e l’umidità sono diminuite. Tuttavia, questo modello è stato interrotto durante l’estate in tutti i continenti. “Ciò potrebbe essere spiegato da diversi fattori, tra cui raduni di massa di giovani, turismo e aria condizionata, tra gli altri“, spiega Alejandro Fontal, ricercatore presso ISGlobal e primo autore dello studio.

Quando si adattava il modello per analizzare le correlazioni transitorie a tutte le scale nei paesi dell’emisfero australe, dove il virus è arrivato più tardi, è stata osservata la stessa correlazione negativa. Gli effetti climatici sono stati più evidenti a temperature comprese tra 12 gradi e 18 gradi C e livelli di umidità tra 4 e 12 g/m 3 , anche se gli autori avvertono che questi intervalli sono ancora indicativi, visti i brevi dati disponibili.

Infine, utilizzando un modello epidemiologico, il team di ricerca ha dimostrato che incorporare la temperatura nella velocità di trasmissione funziona meglio per prevedere l’aumento e la caduta delle diverse onde, in particolare la prima e la terza in Europa. “Complessivamente, i nostri risultati supportano la visione di COVID-19 come una vera infezione stagionale a bassa temperatura , simile all’influenza e ai più benigni coronavirus circolanti“, afferma Rodó.

Questa stagionalità potrebbe contribuire in modo importante alla trasmissione di SARS-CoV-2, poiché è stato dimostrato che condizioni di bassa umidità riducono le dimensioni degli aerosol e quindi aumentano la trasmissione aerea di virus stagionali come l’influenza. “Questo collegamento garantisce un’enfasi sull'”igiene dell’aria” attraverso una migliore ventilazione interna poiché gli aerosol sono in grado di persistere sospesi per tempi più lunghi“, afferma Rodó, e sottolinea la necessità di includere parametri meteorologici nella valutazione e nella pianificazione delle misure di controllo.