Omicron, nel Regno Unito 106.122 casi in un giorno: è record assoluto. Ma morti e ricoverati sono meno dell’Italia

Covid, la variante Omicron spinge i contagi su livelli record nel Regno Unito ma morti e ricoveri sono stabili e inferiori a quelli dell'Italia. Il Paese resta aperto al 100% senza restrizioni né Green Pass

MeteoWeb

Oggi nel Regno Unito sono stati registrati più di 100mila nuovi casi di coronavirus in 24 ore. Si tratta del dato più alto di contagi dall’inizio della pandemia e della prima volta che viene superata la soglia di centomila contagi giornalieri. Lo hanno reso noto le autorità sanitarie britanniche, confermando 106.122 casi positivi nell’ultima giornata su 1 milione 490 mila e 061 tamponi effettuati, per un tasso di positività del 7,1%. La variante Omicron sta spingendo la curva dei contagi sempre più verso l’alto, ma la situazione epidemiologica è sempre meno grave. I morti giornalieri, infatti, sono stati soltanto 140, meno di quelli dell’Italia (146) nonostante nel Regno Unito vivono 67,5 milioni di persone (contro i 59,5 milioni di abitanti dell’Italia), e anche i ricoveri sono nettamente inferiori a quelli dell’Italia con 8.008 pazienti negli ospedali britannici, di cui 849 nei reparti di terapia intensiva. In Italia, invece, siamo a 9.554 pazienti in ospedale, di cui 1.010 nei reparti di terapia intensiva. E’ evidente come la variante Omicron sia più contagiosa ma molto meno grave, e quindi non deve destare alcuna preoccupazione. Anzi. Prima soppianta la Delta, e meglio è. Ecco perché il premier britannico Boris Johnson ha ribadito che nonostante l’alto numero di casi, la situazione non preoccupa e non ci saranno nuove chiusure nel Paese che dal 19 luglio scorso ha riaperto tutto senza alcun tipo di restrizione.

Covid, esperti: “non cediamo alla paura, Omicron ha un tasso di letalità di 0,26% nei non vaccinati”

Covid, Correale: “virus si sta adattando all’uomo, Omicron è una buona notizia. In futuro avremo vaccini proteici come per l’influenza”