Watercolor glass beach: la spiaggia arcobaleno nata da una discarica in Russia

Affaccia sul Mar del Giappone la Watercolor glass beach, una spiaggia in Russia che risplende di milioni di ciottoli colorati che erano i vetri di una discarica dell'epoca sovietica

/
MeteoWeb

La spiaggia di Steklyashka in Russia anche conosciuta come Ussury Bay è una ex discarica che la natura ha trasformato in un meraviglioso spettacolo: la Watercolor glass beach, una spiaggia illuminata da milioni di vetri levigati che riverberano dei colori dell’arcobaleno.
Si tratta di un maestoso esempio di come la natura, se lasciata operare indisturbata, è in grado persino di correggere lo sconsiderato operato dell’uomo.

Cos’è la Watercolor glass beach

Nella regione siberiana di Primorsky, nei pressi di Vladivostok in Russia si trova la Ussuri Bay dove la spiaggia di Steklyashka, bagnata dal mar del Giappone, sembra come ricoperta da un manto di gemme luminose.

La storia di questa spiaggia è davvero inusuale: si tratta, infatti, di un sito che in epoca sovietica era stato trasformato in una discarica di vecchie bottiglie di vetro e porcellana, ma oggi, grazie ai decenni in cui gli agenti atmosferici hanno levigato e frammentato i detriti, la baia appare come una delle spiagge più belle del mondo.

Dopo l’abbandono del sito come discarica l’intero arenile restò chiuso e inaccessibile per molti anni, lasciando a madre natura il tempo di porre argine alla deturpazione operata dall’uomo. Il lavorio delle onde del mare e del vento hanno eroso il vetro sino a convertirla in una distesa di pietre coloratissime e levigate che si sono integrate alla sabbia e ai ciottoli originari e non rappresentano più un pericolo per chiunque voglia fare una passeggiata sulla battigia.

La Watercolor glass beach si è dunque trasformata da una zona off limits a una vera e propria attrazione turistica con i visitatori che pagano per vedere questo spettacolo, soprattutto nelle giornate di sole dove la luce consente magnifici giochi di colore, oppure durante l’inverno quando a contrasto con i vetri colorati ci sono sia le sabbie vulcaniche nere e le nevi bianche; inoltre, l’area è divenuta anche una zona marina protetta.