Covid, Lopalco: “record di contagi? Smettiamo di contarli”

"Nella stagione invernale, l'influenza fa tra i 6.000 e gli 8.000 morti, ma non sentiamo parlare al telegiornale di casi quotidiani da influenza"

MeteoWeb

Record di contagi? Si potrebbe cominciare a non contarli“: lo ha affermato l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, docente di igiene all’Università del Salento, ospite di Coffee Break su La7, commentando il bollettino di ieri (oltre 170mila nuovi positivi).
Si potrebbe cominciare a non dire quanti tamponi positivi abbiamo ogni giorno. Nella stagione invernale, l’influenza fa tra i 6.000 e gli 8.000 morti, ma non sentiamo parlare al telegiornale di casi quotidiani da influenza,” ha evidenziato Lopalco. “Questo non è un raffreddore, sia chiaro, ma è una situazione da gestire con metodi ordinari,” ha spiegato riferendosi alla variante Omicron. “La corsa al tampone è ingiustificata,” ha concluso Lopalco.