Covid, Omicron svuota gli ospedali tedeschi: terapie intensive sempre più vuote

"Possiamo confermare che i decorsi gravi con questa variante del virus sono ovviamente diminuiti", fanno sapere gli esperti tedeschi

MeteoWeb

“Abbiamo ancora numeri in calo nelle unità di terapia intensiva. Anch’io sono cautamente fiducioso per i prossimi giorni e settimane“, ha affermato il dott.Gerald Gass, capo della Società ospedaliera tedesca (DKG), su BILD Live. Sebbene il numero giornaliero di casi sia aumentato notevolmente dall’inizio dell’anno a causa della variante più contagiosa dell’omicron (incidenza a 553), sempre meno pazienti affetti da coronavirus vengono trattati nelle unità di terapia intensiva – l’ultimo 2712, il valore più basso da inizio novembre 2021.

Sta diventando sempre più chiaro che Omicron è significativamente meno pericoloso. Ora questo si vede anche nelle cliniche, dove il processo di infezione di solito diventa evidente solo dopo due o tre settimane.

Gass ha spiegato a BILD che “possiamo confermare che i decorsi gravi con questa variante del virus sono ovviamente diminuiti”. Ma sebbene la cosiddetta incidenza ospedaliera (ricoveri ospedalieri per 100.000 abitanti in sette giorni) sia inferiore a qualsiasi valore di allarme nella maggior parte degli stati federali, a livello nazionale si applicano restrizioni che corrispondono al livello di allarme più alto: “2G-plus” e restrizioni di contatto per i non vaccinati e i vaccinati.

In Sassonia, tra tutti i luoghi, che è stata a lungo un problema di coronavirus, l’incidenza ospedaliera di 2,0 è la più bassa in Germania. “Ciò è certamente dovuto al fatto che abbiamo avuto molte persone che sono state infettate nell’ultima ondata – questo ovviamente ha anche creato una certa immunizzazione oltre la vaccinazione“, sospetta Gass. Le misure più dure furono imposte anche in Sassonia.

Sebbene la tensione coronavirus nelle cliniche si stia allentando, non è ancora il momento del relax assoluto per infermieri e medici, precisa l’esperto. A causa dell’elevato carico, decine di migliaia di pazienti in molte regioni con trattamenti e operazioni hanno dovuto essere messi in lista d’attesa. “Ovviamente ora si tratta di curare questi pazienti. Purtroppo non è ancora il momento di ridurre gli straordinari. Ci auguriamo vivamente di vivere momenti un po’ più rilassati negli ospedali in primavera. Anche noi desideriamo la normalità”, conclude Gass.