Covid, cabina di regia verso l’obbligo vaccinale per gli over 50, scuole aperte e più smart working

Si deciderà questa sera del futuro, prossimo e non solo, degli italiani, in particolare di quelli che fino a questo momento hanno detto no al vaccino

MeteoWeb

Sembra esserci quasi l’accordo in cabina di regia per l’obbligo di vaccino per gli over 50. Nel corso della riunione si sarebbe parlato di estensione del green pass rafforzato – in possesso di vaccinati e guariti – sul posto di lavoro per gli over 50, obbligo di vaccini, invece, per quanti, superati i 50 anni, non hanno alcuna occupazione.

Gli over 50 dovranno dunque presentare la certificazione ‘2G’ (vaccinato o guarito) al lavoro, obbligo vaccinale previsto per chi non lavora. Dunque neanche i no vax disoccupati riusciranno a ‘sfuggire’ alla vaccinazione. La proposta, caldeggiata da Mario Draghi in cabina di regia è arrivata alla luce delle riflessioni dei tecnici del Cts, Silvio Brusaferro e Franco Locatelli, presenti alla riunione. Sarebbero proprio gli over 50, il ragionamento, quelli più a rischio di finire in ospedale per via del Covid. E all’esponente del M5S, Fabiana Dadone, che invitava a non intervenire con un obbligo, il presidente del Consiglio avrebbe spiegato che la fascia over 50 “è quella più vulnerabile dai dati a nostra disposizione, dunque bisogna intervenire per evitare il peso sugli ospedali“, e non mandare in affanno il Ssn.

Ma non solo: previsto anche l’ampliamento dell’utilizzo dello smart working, e le scuole verranno riaperte regolarmente. Sono queste le comunicazioni arrivate alle Regioni dal governo dopo la riunione della cabina di regia sulle misure anti-Covid. Alle 17:30 è prevista la riunione del Consiglio dei ministri.

Poi, Super green pass per entrare in banca, andare dall’estetista e dal parrucchiere, o anche al centro commerciale. E’ questa la misura che sarà discussa in Cdm al termine della riunione dei ministeri Roberto Speranza e Maria Stella Gelmini con le Regioni.

Per quanto riguarda l’obbligo vaccinale si registra solo l’opposizione del Movimento 5 Stelle all’ipotesi per gli over 50. E’ quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi in merito alla discussione del tema durante la cabina di regia riunita dal premier Draghi prima del Cdm sulle nuove norme anti-Covid. La Lega, invece, si è detta favorevole, anche se ha optato per la vaccinazione obbligatoria per over 60, anziché 50. La proposta, verrà ora messa al vagli anche delle Regioni, ma la decisione definitiva in materia, fanno sapere fonti della maggioranza, verrà presa nel corso della riunione del Consiglio dei ministri.