Marte: Ingenuity effettua con successo il suo 19° volo dopo lo storico ritardo meteorologico per una tempesta di polvere

Una tempesta di polvere su Marte ha posticipato di oltre un mese la data del decollo

MeteoWeb

La tempesta di polvere non è riuscita a tenere a terra per sempre il drone-elicottero Ingenuity della NASA: ieri, martedì 8 febbraio ha eseguito un volo di 100 secondi, il 19° sul Pianeta Rosso in assoluto, ma il 1° dal 15 dicembre.
Il volo era stato originariamente previsto il 5 gennaio, ma il giorno di Capodanno una grande tempesta di polvere si è scatenata vicino al cratere Jezero, largo 45 km, che Ingenuity e il suo partner robotico, il rover Perseverance della NASA, stanno esplorando da febbraio 2021.

Il team di Ingenuity ha deciso di fermare le operazioni fino al termine della tempesta di polvere, rendendo Ingenuity il primo aereo in assoluto a subire un ritardo a causa di avverse condizioni meteo su un altro pianeta.

Due fattori principali sono alla base della decisione: innanzitutto, Ingenuity è alimentato a energia solare, quindi molta polvere nell’aria potrebbe influire sulla sua capacità di ricaricare le batterie; inoltre, la polvere nell’aria assorbe la radiazione solare e riscalda l’atmosfera circostante riducendone la densità. Potrebbe non sembrare un grosso problema, ma l’aria di Marte è solo l’1% più densa di quella della Terra al livello del mare, quindi volare sul Pianeta Rosso è complicato anche nelle migliori circostanze.

La decisione si è rivelata quella giusta, hanno spiegato i membri del team della missione. La tempesta di polvere si è effettivamente spostata sul cratere Jezero e gli effetti sono stati osservati dal Mars Reconnaissance Orbiter della NASA, dalla stazione meteorologica a bordo di Perseverance e dai sensori di Ingenuity.

Degno di nota è stato un forte calo della densità dell’aria, circa una deviazione del 7% al di sotto di quella osservata prima della tempesta di polvere,” hanno spiegato Jonathan Bapst e Michael Mischna, del team meteorologico e ambientale di Ingenuity, in un aggiornamento pubblicato il 19 gennaio. “Questa diminuzione osservata avrebbe portato la densità al di sotto della soglia inferiore di volo sicuro e avrebbe esposto a rischi indebiti il veicolo spaziale,” hanno spiegato gli scienziati del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA. “Abbiamo anche osservato l’effetto della polvere nella quantità di luce solare assorbita dal pannello solare di Ingenuity, che è scesa ben al di sotto dei normali livelli di ‘cielo sereno’, un calo di circa il 18%“.

Il ritardo è finito per estendersi fino a febbraio, apparentemente per un eccesso di cautela, ha dichiarato il portavoce del JPL Andrew Good a Space.com la scorsa settimana: “C’era molta polvere nell’aria dopo quella recente tempesta,” ha affermato.

Il volo di martedì ha portato Ingenuity fuori da una zona accidentata della superficie di Jezero, noto come South Séítah, su un crinale e su un altopiano, hanno spiegato i membri del team della missione. Ingenuity è rimasto in volo precisamente per 99,98 secondi e ha percorso circa 62 metri.

Ingenuity è un veicolo di dimostrazione tecnologica progettato per dimostrare che l’esplorazione aerea è fattibile su Marte. L’aeromobile ha raggiunto il suo obiettivo durante i 5 voli iniziali, che originariamente avrebbero dovuto essere l’intera missione. Ingenuity, però, ha funzionato così bene che la NASA ha approvato un’estensione, durante la quale l’elicottero sta fungendo da esploratore per Perseverance e sta spingendo i confini del volo del Pianeta Rosso.