Marte: estesa la missione dell’elicottero Ingenuity, continuerà a volare almeno fino a settembre

La nuova missione estesa prevede l'assistenza a Perseverance nell'esplorazione dei resti del delta del fiume all'interno del cratere Jezero

MeteoWeb

La missione di Ingenuity è stata nuovamente estesa.
L’elicottero marziano ha ora l’autorizzazione per continuare a volare almeno fino a settembre: lo ha annunciato il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA. Come parte di questa estensione, Ingenuity sfoggerà anche alcuni aggiornamenti speciali che consentiranno al drone da 1,8 kg di effettuare voli ancora più audaci a supporto della missione del rover Perseverance.
Ricordo di aver pensato che quando tutto questo è iniziato, saremmo stati fortunati ad avere 3 voli e immensamente fortunati ad averne 5,” ha affermato Håvard Grip, capo pilota di Ingenuity.

Quando Ingenuity ha fatto il suo primo tentativo di volo il 19 aprile 2021, l’evento è stato riconosciuto non solo come il primo volo interplanetario, ma come una prova concreta che era possibile pilotare un aereo nella sottile atmosfera marziana.
Quel primo volo sperimentale è durato solo 39,1 secondi e, nei mesi successivi, Ingenuity ha dato prova delle sue capacità ben oltre il piano iniziale che prevedeva l’esecuzione di 5 voli. Ora, con 21 voli completati la scorsa settimana, Ingenuity ha volato per un totale di 38 minuti e ha percorso 4,6 km.

NASA Mars Helicopter Ingenuity

La nuova missione estesa di Ingenuity prevede l’assistenza a Perseverance nell’esplorazione dei resti del delta del fiume all’interno del cratere Jezero del Pianeta Rosso, dove è atterrato il rover e dove gli scienziati sperano di individuare segni di antica vita microscopica. Per arrivarci, però, Ingenuity dovrà completare un piano di volo complesso che includerà nuovi aggiornamenti software.

Il team di Ingenuity ha continuato ad adattarsi per supportare la missione dell’elicottero, ha osservato Teddy Tzanetos, capo del team di Ingenuity presso il JPL. I membri del team “stanno effettuando aggiornamenti al nostro software di volo volti a migliorare la flessibilità operativa e la sicurezza,” ha affermato Tzanetos.

Ad esempio, un nuovo aggiornamento del software ora libera Ingenuity dal suo precedente tetto di volo di 15 metri, che “potrebbe comportare aumenti incrementali sia della velocità dell’aria che della portata” sui voli futuri, è stato spiegato. Altri aggiornamenti consentiranno a Ingenuity di regolare, ad esempio, la sua posizione rispetto al terreno sottostante.
I futuri aggiornamenti del software potrebbero includere l’aggiunta di mappe di elevazione del terreno nel filtro di navigazione e una capacità di evitare i rischi di atterraggio,” ha osservato il JPL. Queste caratteristiche di volo dinamico potrebbero essere necessarie per continuare il record di successo di Ingenuity, dato che il delta di Jezero presenta scogliere, massi e altri ostacoli.

Il 22° volo di Ingenuity, che dovrebbe aver luogo non prima del 19 marzo, vedrà l’aereo volare per circa 350 metri, inclusa una brusca virata a mezz’aria per muoversi attorno a una grande collina. In seguito saranno necessari almeno altri 2 o 3 voli per raggiungere il delta, ha affermato il JPL.
Dopo che Ingenuity atterrerà nel delta, aiuterà gli ingegneri a scegliere in quale canale (tra 2) dirigere le operazioni di Perseverance e potenzialmente anche a trovare obiettivi scientifici.

Se tutto andrà come previsto, ha affermato il JPL, l’elicottero potrebbe essere incaricato di osservare le caratteristiche geologiche che Perseverance non può raggiungere a terra. Potrebbe anche cercare zone di atterraggio e aree di raccolta campioni per una futura missione di ritorno sulla Terra.

Marte: Perseverance ha raccolto l’8° campione di roccia sul Pianeta Rosso, ora il rover è in viaggio verso un antico delta