“Non è vaccinato”: 15enne si suicida perché bullizzato a scuola

Un 15enne si è tolto la vita dopo aver subito un incessante bullismo: qualcuno aveva messo in giro la falsa voce che non era vaccinato

MeteoWeb

Un ragazzo di 15 anni, preso di mira da una falsa voce secondo cui non era vaccinato, è stato vittima di bullismo incessante fino a quando non si è tolto la vita. La tragedia, avvenuta a gennaio negli Stati Uniti, è emersa nella causa legale intentata contro la Latin School of Chicago. Nella causa, si sostiene che gli amministratori della scuola hanno commesso un “fallimento volontario” nel fermare l’incessante bullismo, riporta il Chicago Tribune. La scuola, diversi dipendenti e genitori dei presunti bulli sono stati nominati come imputati.

Uno studente, i cui genitori sono nominati nella causa, ha iniziato a diffondere una voce secondo cui il 15enne, Nate Bronstein, non era vaccinato, secondo la causa. In realtà, il giovane era stato vaccinato ma era ancora molestato regolarmente, viene sostenuto nella causa. I genitori del ragazzo, Robert e Rosellene Bronstein, hanno persino contattato la famiglia degli altri studenti sul costante tormento nei confronti del figlio.

Le molestie, tuttavia, sono peggiorate. Secondo la causa, Nate si è sentito dire da un insegnante in classe che non sarebbe andato “da nessuna parte nella vita“. L’adolescente è stato anche bullizzato su Snapchat, dove un altro studente lo ha esortato ad uccidersi a metà dicembre, si sostiene nella causa. A quel punto, Nate ha incontrato un amministratore scolastico, ma nessuno degli studenti coinvolti nel cyberbullismo è stato punito, sostengono i suoi genitori.

Rosellene Bronstein aveva anche contattato un consulente sul bullismo, temendo che suo figlio potesse farsi del male, ma la scuola ha minimizzato le sue preoccupazioni come “questioni familiari“, sostiene la causa. La madre di Nate ha contattato la scuola più di 30 volte solo a ottobre e novembre, ma gli amministratori presumibilmente hanno fatto finta di niente. L’adolescente ha anche denunciato il bullismo al decano della scuola, ma è stato ignorato. Un mese dopo che un altro studente su Snapchat ha invitato Nate ad uccidersi, il padre ha trovato il giovane impiccato alla doccia in un bagno di casa il 13 gennaio, secondo quanto riferito da CBS Chicago.

Rosellene Bronstein ha detto che la scuola non le ha mai comunicato che Nate aveva richiesto un incontro con il suo decano sul presunto bullismo di Snapchat. “Avremmo saputo e lo avremmo protetto, e lui sarebbe ancora qui oggi“, ha detto la madre.

La causa sostiene che la Latin School of Chicago ha violato una legge statale che impone alle scuole di indagare sui rapporti di bullismo e di avvisare i genitori di tutti gli studenti coinvolti. La scuola, nel frattempo, ha respinto le accuse come “infondate“, giurando di difendersi “con vigore” in tribunale.